Museo delle Cere Anatomiche Luigi Cattaneo a Bologna

Il Museo delle Cere Anatomiche “Luigi Cattaneo”, allestito dal 1908, si trova al secondo piano dell’Istituto di Anatomia umana normale di Bologna, in via Irnerio 48.

La collezione fu allestita a partire dal 1908, e vuole essere la testimonianza del percorso di ricerca degli appassionati studiosi dela scienza medica nel corso del XVIII e del XIX secolo.

Avvertenze importanti sui contenuti di questo sito
(clicca qui prima di continuare nella lettura)

Questo è un blog di viaggi, le indicazioni presenti negli articoli sono fornite gratuitamente a scopo divulgativo e potrebbero essere non aggiornate o incomplete. Prima di acquistare, di prenotare o di partire consultate sempre i siti ufficiali. Alcuni link in questo articolo possono essere sponsorizzati, ovvero, se comprate tramite il link non pagate di più, ma mi viene riconosciuta una commissione. Gli articoli aggiornati o pubblicati a partire da febbraio 2024 riportano un asterisco* accanto ai link sponsorizzati. Inserisco i link solo se pertinenti e dopo averli verificati.

Cenni storici sulle cere anatomiche

A partire dal XVIII secolo, col perfezionarsi delle conoscenze anatomiche del corpo umano, gli studiosi e gli appassionati convogliarono i loro sforzi sullo studio delle patologie, cercando di esplorarne cause ed effetti, allo scopo di trovare possibili soluzioni.

Il Museo è chiamato normalmente Museo Delle Cere Anatomiche perché espone modelli di parti del corpo umano realizzate allo scopo di favorire lo studio dell’anatomia e delle relative patologie.

A suo tempo il museo fu intitolato a Luigi Cattaneo, docente dell’Istituto di Anatomia umana normale di Bologna al quale si deve la riscoperta e la valorizzazione delle originarie collezioni di Anatomia umana a partire dagli anni settanta dello scorso secolo.

Lacollezione fu ripristinata infatti a quella che è l’attuale esposizione, dopo essere stata gravemente danneggiata dai bombardamenti della seconda guerra mondiale.

Museo delle cere anatomiche Bologna
Museo_delle_cere_anatomiche_Bologna

Altre esperienze precedenti in tema cere anatomiche

Oliviero Spada nel suo articolo su Milanofree, scrive:

“L’idea di un simile Museo nasce nel lontano 1742 per merito di Papa Benedetto XIV il quale commissionò all’accademico Ercole Lelli, di progettare una camera anatomica che contenesse statue e modelli in cera riguardanti il corpo umano. Il Lelli fu anche il fondatore della “ceroplastica anatomica” che, nel tempo, si è perfezionata sempre meglio, tanto che il visitatore non può che rimanere stupito dalla perfetta efficacia didattica delle figure esposte.”

Altre iniziative minori sono tate dimenticate nel corso dei secoli, ma il fervore che suscitava l’argomento è evidente ed il suo contributo alla scienza innegabile.

Alternative al Museo delle Cere Anatomiche

Un altro Museo simile a quello presentato in questo articolo è il Museo di Anatomia Umana di Torino.

Anche qui troviamo un’esposizione di cere anatomiche del XVIII e del XIX interessante e ben curata.

Approfondimenti sul Museo delle Cere Anatomiche

Archivio fotografico dell’Università di Bologna

Sistema Museale di Ateneo: Collezione delle cere anatomiche LUIGI CATTANEO

Immagini su Wikimedia

Pagina del Museo delle Cere Anatomiche Luigi Cattaneo su Wikipedia

Archivio del sito del museo (archivio storico su webarchive – interessante, ma lento a caricare)

Immagine di copertina: Patafisik, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni utili (tratte dal sito ufficiale)

INDIRIZZO

Via Irnerio, 48 – 40126 Bologna

CONTATTI

+39 051 2091556

Sito Ufficiale: sma.cereanatomiche@unibo.it

ORARI

Orario invernale 1 settembre – 31 maggio 

Da martedì a venerdì: 9.00 – 13.00 

Orario estivo 1 giugno – 31 luglio

Da martedì a venerdì: 10.00 – 13.00

Chiusure 

Lunedì, sabato, domenica e festivi, 1-31 agosto, dal 24 dicembre al 2 gennaio (compresi)

Il sabato, la domenica e i festivi, la Collezione sarà accessibile solo partecipando ad eventuali visite guidate, laboratori didattici ed eventi in programma.

PREZZI

Ingresso gratuito

PRENOTA ONLINE IL TUO INGRESSO GRATUITO

Altre info sul sito ufficiale

Dal Blog

PARTI ADESSO

Max
Maxhttps://www.massimobasso.com
Appassionato di fotografie, di storia e di culture orientali, viaggia per soddisfare la sua innata curiosità.Ama il caldo e stare all'aria aperta, scoprire luoghi nuovi, conoscere persone ed abitudini, osservare la Natura. Ha una sfida con se' stesso: assaggiare i cibi più strani in circolazione.

Ti possono interessare?