Livigno: quando andare e 🚘 🚲 ✈️ come arrivare

Livigno quando andare e come arrivare nel paradiso dello sport e dello shopping

Come arrivare a Livigno e qual è il periodo migliore per andarci? Per rispondere alla prima domanda dovrete per forza leggere l’articolo. Se invece la domanda è: “quando posso andare a Livigno?”, la risposta è semplice: sempre.

Più che semplice, la risposta è semplicistica, ma corretta se l’obiettivo sono il relax e lo shopping. Diverso, invece, se si vogliono abbinare sport e divertimento. Leggete l’articolo o cliccate qui per andare direttamente alla sezione che parla di cosa fare a Livigno.

Questo è un blog di viaggi, le indicazioni presenti negli articoli sono fornite gratuitamente a scopo divulgativo e potrebbero essere non aggiornate o incomplete. Prima di acquistare, di prenotare o di partire consultate sempre i siti ufficiali. Alcuni link in questo articolo possono essere sponsorizzati, ovvero, se comprate tramite il link non pagate di più, ma mi viene riconosciuta una commissione. Inserisco i link solo se pertinenti e dopo averli verificati.

immagine di copertina di Livigno from Carosello 3.000 Umberto FistarolCC BY-ND 2.0

Una breve introduzione su Livigno

Livigno è zona priva di tasse o, se vogliamo dirla all’inglese, duty free e l’esenzione dal pagamento delle imposte risale ai tempi antichi. Un tempo, infatti, in molti periodi dell’anno Livigno era isolata o difficilmente raggiungibile per via delle scarse e scomode vie di comunicazione e della lontananza dagli altri centri abitati. La cosa accadeva specialmente nei mesi invernali, quando la neve impediva i passaggi attraverso i valichi alpini che conducono in città.

Nonostante oggi le vie di comunicazione siano notevolmente migliorate, Livigno rimane, comunque un comune a fiscalità agevolata.

Ovviamente l’esenzione dal pagamento delle imposte per i turisti non è illimitata ed è regolamentata da apposite tabelle merceologiche, che potete consultare sul sito ufficiale di Livigno.

Dove si trova e come arrivare a Livigno

Livigno fa parte storicamente dell’Italia, ma analizzando la morfologia del luogo, la valle appartiene al bacino idrografico dell’Inn o, più precisamente, al bacino del Danubio e quindi tecnicamente oltre lo spartiacque alpino dell’Italia.

Proprio per questo motivo per raggiungere Livigno si deve per forza di cose percorrere un valico alpino (o almeno un tunnel). 

Livigno dal passo del Foscagno, 2.291 metri

La strada più logica, nonché la più utilizzata durante tutto l’arco dell’anno è quella che valica il Passo del Foscagno e supera il paese di Trepalle. La strada arriva da Milano e dalla Lombardia e si raggiunge normalmente passando da Lecco, percorrendo tutta la superstrada che corre lungo il lago fino a Colico. Da Colico si prosegue poi lungo l’interminabile statale fino a Bormio e valicando poi il Passo Foscagno, dove, da novembre ad aprile è obbligatorio avere a bordo catene da neve o montare pneumatici adatti (controllate prima di partire).

Link alla Webcam Livigno del passo del Foscagno

Livigno per la val Viola sentiero 129
Livigno da Trepalle verso la val Viola sentiero 129

Alternative per raggiungere il passo del Foscagno dalla Valtellina

Per raggiungere la Valtellina, invece di percorrere per intero la statale da Colico, esistono delle alternative, da valutare a seconda della provenienza e anche della voglia di farsi un giro più o meno veloce o più o meno panoramico per arrivare a destinazione.

Passo dell’Aprica, 1.181 metri

Un altro modo per raggiungere la Valtellina, per chi viene da Bergamo o da Brescia, ma anche per chi ha voglia di farsi un giro panoramico, è quello di percorrere il Passo dell’Aprica, che in genere è aperto tutto l’anno, visto i soli 1180 metri di altitudine.

Link alla Webcam del passo dell’Aprica

Passo del Mortirolo, 1.852 metri

Il Passo del Mortirolo è alternativo al Passo dell’Aprica ed è noto soprattutto fra i ciclisti. Il passo si può raggiungere da sud dalla val Camonica, passando per Monno, per chi proviene da Bergamo o Brescia, oppure da est, dal passo del Tonale per chi proviene da Trento o Bolzano

Link alla webcam passo Mortirolo (al momento non attiva)

Passo Gavia, 2.618 metri

Il Passo Gavia è un’altra alternativa più “avventurosa” per chi proviene da Bergamo, da Brescia o da Trento. Un altro passo noto fra i ciclisti, spesso incluso fra le tappe del giro d’Italia, l’ultima volta nel 2014. Questo passo panoramico impone il valico ad un’altezza che scoraggia i più frettolosi, ma che premia i più curiosi con vedute spettacolari. La strada non è ampia ed è meglio sempre verificare che non ci siano problemi di viabilità.

Link alla Webcam del Passo Gavia

Livigno dal passo del Gallo, 1.693 metri

Venendo dalla Svizzera Orientale, dall’Austria o da Bolzano, una delle soluzioni più comode per raggiungere Livigno è percorrere il tunnel del Passo del Gallo – Tunnel Munt la Schera, aperto tutto l’anno. Il tunnel, percorribile a senso unico alternato, regolato da un apposito semaforo, collega la vallata di Livigno con la Svizzera e, tramite il Passo del Forno, con la Val Monastero (o val Mustair), Merano e Bolzano. 

Il Tunnel del Passo del Gallo si trova a nord di Livigno e, arrivando dalla Svizzera, si arriva sulla strada che costeggia il lago di Livigno. Il costo del pedaggio è di 15 franchi svizzeri e può essere pagato in anticipo sul sito ufficiale. Il tunnel, attualmente osserva orari differenziati a seconda del giorno della settimana ed è prevista una chiusura dal 1/9/2022 al 24/11/2022 per lavori di manutenzione. Consultate il sito per aggiornamenti.

Link alla Webcam Livigno Passo del Gallo Tunnel Munt La Schera

Quando andare e come arrivare a Livigno 3-2

Livigno dal passo Forcola di Livigno, 2.315 metri

D’estate il percorso più comodo per chi proviene da Milano o dall’Aprica, prevede di sconfinare nella vicina Svizzera e di valicare il passo della Forcola di Livigno, una deviazione sulla strada del passo Bernina. 

Una volta raggiunta Tirano, in Valtellina, ci si dirige verso la Svizzera e, dopo aver superato alcuni paesini, si giunge al passo. Il passo, per convenzione, è chiuso dall’ultimo venerdì di novembre al primo lunedì di giugno. Il Cantone dei Grigioni potrebbe però decidere di anticipare la chiusura o di ritardare l’apertura in funzione della condizioni meteo. 

Per chi proviene da Milano ed ha tempo un’alternativa interessante è percorrere la superstrada di Lecco, imboccare la Val Chiavenna e poi passare per la vallata St. Moritz raggiungendo il passo Forcola da Nord. Un po’ più lunga, ma con splendidi panorami.

Link alla Webcam Livigno Passo Forcola

Livigno in treno

In Italia la stazione più vicina è quella di Tirano, a circa 70 km da Livigno che è collegata a Milano con un treno che parte ogni due ore. Da Tirano esistono poi due opzioni. La prima è proseguire in treno fino a Poschiavo e da lì prendere un bus della svizzera AutoPostale che arriva a Livigno in un’ora e mezza circa, attraverso il passo della Forcola. Ma attenzione: solo in estate! 

La seconda è prendere un autobus della linea Perego che arriva a Livigno attraverso Bormio in circa 3 ore. Alcuni bus permettono di trasportare le biciclette.

Quando andare e come arrivare a Livigno 3-2

Livigno in aereo

Gli aeroporti più vicini sono quelli di Milano e Bergamo in Italia, di Zurigo in Svizzera e di Innsbruck in Austria.

Milano offre collegamenti agevoli grazie al servizio di navetta tra gli aeroporti di Malpensa, Linate, Orio al Serio e la Stazione Centrale, da cui ogni giorno partono molti treni diretti in Valtellina.

In Inverno c’è anche un collegamento giornaliero direttamente dagli aeroporti sopra indicati, che potete prenotare da qui.

Livigno in autobus

Il collegamento Bormio – Livigno avviene durante tutto l’anno tramite pullman di linea. In inverno meglio fare riferimento alle navette aeroportuali. 

Livigno a piedi o in bici

Molti dei percorsi che si fanno in auto possono ovviamente anche essere fatti a piedi o in bicicletta, anche se quasi esclusivamente in estate. Oltre a questi itinerari, Livigno è raggiungibile tramite numerosi sentieri, in buona parte ciclabili, che attraversano le splendide valli dell’Alta Valtellina. E’ importante che ognuno scelga i percorsi in base alla propria preparazione fisica e tecnica, non tutti i sentieri sono agevoli, ma tutti sono spettacolari.

Ecco alcuni itinerari estivi per raggiungere Livigno, avendo cura di informarsi preventivamente sulle condizioni meteo, sempre importanti per le gite in montagna.

  • Da Arnoga in Valtellina attraverso la Val Viola e la Vallaccia. Dalla località Arnoga a Trepalle e poi a Livigno. Molto difficile in bici, molto spettacolare, vedi qui per una traccia.
  • Val Federìa attraverso il Passo Cassana arrivando dalla Val Chaschauna (Svizzera). Molto difficile in bici e molto spettacolare, vedi qui per una traccia.
  • Val Fraèle attraverso la Val Trela e Val Pila o attraverso Valle Alpisella vedi qui per una traccia.

Il Trenino Rosso del Bernina

Una valida alternativa per una giornata diversa dal solito sulla via di Livigno è quella di prendere il Trenino Rosso del Bernina. Sia che si parta da Milano, sia che si parta da Tirano, viaggiare a bordo del treno panoramico Bernina Express, il fiabesco trenino rosso su rotaie, è una scoperta continua. E’ l’occasione perfetta per ammirare lo splendido paesaggio delle Alpi, dai vigneti della Valtellina ai ghiacciai del Passo del Bernina.

Potete scendere liberamente in qualsiasi stazione e risalire sul treno successivo quando siete pronti per proseguire il viaggio.

Quando andare a Livigno

La domanda giusta è: quando non andare a Livigno? Come ho già detto se volete solo shopping e relax ogni stagione è buona. Ovviamente in estate le opzioni per arrivarci sono migliori: passi aperti e niente neve sono indubbiamente un vantaggio.

Per quanto riguarda le cose da fare, Le mezze stagioni sono il periodo meno adatto, soprattutto in primavera dopo che gli impianti di risalita hanno chiuso i battenti, o in autunno prima che gli stessi aprano.

I periodi migliori per visitare Livigno, nonché quelli più affollati, sono l’estate e l’inverno, ovviamente per motivi diversi e io preferisco l’estate!

Estate a Livigno

Livigno a partire da fine giugno e qualche volta anche prima, diventa la meta adatta per chi è amante degli sport all’aria aperta. E la festa dura fino quasi alla fine di settembre. Durante il giorno ci si può divertire in mille modi: dalla più semplice ed economica scarpinata lungo la ciclopedonale che attraversa tutta la valle, si passa alle passeggiate a cavallo, alle gite in e-bike, fino alla salita in funivia e discesa in downhill lungo una delle innumerevoli piste per le mountain bike.

C’è veramente da fare di tutto e di più, non fosse altro che per cercare una fuga dalla calura delle grandi città. 

Verso sera la vera sfida è in paese: riuscirete ad arroventare la carta di credito nel tentativo di svaligiare uno dei fantastici negozi che punteggiano le vie del centro?

Inverno a Livigno

Anche l’inverno è il momento adatto per vivere Livigno all’aria aperta. La cosa più ovvia da fare è sciare, ma ci sono un sacco di altre attività di nicchia che possono riempire le giornate, prima di rifugiarsi in albergo e magari fare una bella sauna.

Per quelli come me che non amano i motori, prima di tutto un a gita con una fat-bike sulla neve, una ciaspolata o una escursione di cross country con gli sci – da fondo o da scialpinismo sono un’opzione.

Meno scontate e più avventurose possono essere, invece, un volo il parapendio o un’arrampicata sulle cascate di ghiaccio. Insomma, non c’è proprio da annoiarsi.

Se poi volete proprio sentirvi come nel grande nord, allora provate una gita sulla slitta, senza gli husky, ma con i cavalli..  non fa per me, ma non siamo tutti uguali!

Libri e Guide di escursioni Livigno

Per trovare i sentieri potete farvi aiutare da una app come Komoot o Wikiloc, utili nella loro versione free ed eccezionali nella versione a pagamento.

Una buona idea per chi vuole fare delle camminate o escursioni in bicicletta può anche essere quella di comprare una guida. Ce ne sono alcune, anche se poche sono specifiche per Livigno. 

Una di queste è la guida Livigno le più belle escursioni, bilingue (anche in tedesco), mentre un’altra da prendere in considerazione è Passeggiate per famiglia e con i bambini in Alta Valtellina. 50 gite facili in Alta Valtellina.  Per gli amanti delle cartine invece, la classica Kompass Ã¨ sempre una garanzia. Le guide qui riportate sono un suggerimento, non un consiglio, non ho potuto provarle.

Quando andare e come arrivare a Livigno 3-2

Situazione aggiornata aperture e chiusure dei passi di Livigno

Potete consultare la situazione dei passi da questa pagina ufficiale del Comune di Livigno

Distanze da altri luoghi di interesse 

  • Milano: 234 km e 3 ore e 45 min. passando da Bormio, 209 da Passo Forcola, 228km da Aprica e Tirano (con traffico regolare).
  • Torino: 337 Km e 5 ore passando da Passo Forcola 25 km in più e circa 20 minuti passando da Bormio (con traffico regolare).
  • Bergamo: 192 km sia passando da Lecco e Valtellina che da Aprica, circa 3 ore e mezza (con traffico regolare).
  • Brescia: 178 km e 3 ore e 20 min. passando da Aprica
  • Trento: 188 km e 3 ore passando da Bolzano e Passo del Gallo, 176 km e 3 ore e 34 min. passando dal Passo del Tonale, 25 km e mezz’ora in più passando da Aprica
  • Bolzano: 138 km e 3 ore e mezza passando da Passo del Gallo

Che tempo fa: il meteo a Livigno

LIVIGNO Previsioni meteo

Mappa di Livigno e punti di accesso

Altri articoli e consigli sul tema Italia

Di questi luoghi racconto le mie impressioni: emozioni, sorprese e delusioni. Viaggio per fare fotografie e fotografo per avere una scusa per viaggiare.

Prima di tutto il bagaglio: dai un’occhiata a cosa mettere in valigia: la lista da stampare per il viaggio perfetto e parti senza lasciare nulla al caso.

Se sei in Piemonte parti con una visita alla Sacra di San Michele. Prosegui con le residenze reali come il Castello della Mandria e poi Palazzo Barolo e la Palazzina di caccia di Stupinigi nella splendida Torino, che in questo articolo  ritraggo in notturna.

In vacanza in Romagna, non perderti le meraviglie di Ravenna, la capitale dei mosaici e già che ci sei visita anche la splendida Comacchio, una città sulla laguna senza le folle di Venezia.

Scopri le meraviglie delle Dolomiti, ti suggerisco alcuni itinerari negli articoli Vacanze nell’Agordino: cosa fare e quando andare, anche per i più avventurosi.

Tuffati nella storia con l’articolo su Sovana terra di Papi, Regine ed invasori.

In Italia c’è sempre da fare!

Ti piace l'articolo?

Dal Blog

Max
Maxhttps://www.massimobasso.com
Massimo Basso le mie passioni sono stare all'aria aperta, viaggiare, scoprire luoghi nuovi, conoscere persone ed abitudini, osservare la Natura e, quando posso, fare qualche bella fotografia. Le foto (se riportano la mia firma) sono mie e non sono riproducibili senza consenso.

Ti possono interessare?