Un weekend a Salisburgo – itinerario 1 o 2 giorni

Se siete alla ricerca di un’avventura incantevole in una delle città più affascinanti d’EuropaSalisburgo è il posto perfetto per voi, perché ci sono un sacco di attività da scoprire. Visitare Salisburgo è un po’ come fare un salto indietro nel tempo, infatti le strade lastricate con le carrozze trainate dai cavalli, le insegne in ferro battuto e gli edifici storici che conservano il fascino del tempo passato, consegnano al visitatore un’immagine fiabesca che rimarrà impressa nella memoria.

Come in tutte le mete più gettonate dell’Austria, qui i prezzi per noi italiani non sono esattamente economici e, a differenza di altri paesi, l’Austria non è famosa per le attività gratuite. Tuttavia, con la Salzburg Card, potrete scoprire quasi tutte le meraviglie che questa città ha da offrire, risparmiando tempo e denaro, anche scoprendo luoghi che, forse, non avreste mai visitato.

Avvertenze importanti sui contenuti di questo sito
(clicca qui prima di continuare nella lettura)

Questo è un blog di viaggi, le indicazioni presenti negli articoli sono fornite gratuitamente a scopo divulgativo e potrebbero essere non aggiornate o incomplete. Prima di acquistare, di prenotare o di partire consultate sempre i siti ufficiali. Alcuni link in questo articolo possono essere sponsorizzati, ovvero, se comprate tramite il link non pagate di più, ma mi viene riconosciuta una commissione. Gli articoli aggiornati o pubblicati a partire da febbraio 2024 riportano un asterisco* accanto ai link sponsorizzati. Inserisco i link solo se pertinenti e dopo averli verificati.

La Salzburg Card cosa include e quanto costa

La Salzburg Card, secondo il sito ufficiale comprende tutte le attività della città, ma in realtà con alcune esclusioni. In ogni caso tutte le cose più interessanti da vedere sono comprese.

Albero genealogico di Amadé Mozart
Albero genealogico di Amadé Mozart

Potete comprare la Salzburg Card in formato digitale a questo indirizzo* (il costo è uguale su tutti i siti) oppure sul sito della carta in inglese. Naturalmente è possibile acquistare la Salzburg Card anche in formato carta di credito presso tutti gli hotel, in tutti gli uffici turistici di Salisburgo e dintorni o all’aeroporto. Potete richiedere maggiori informazioni inviando una mail a cards@salzburg.info oppure telefonando al numero +43662 88987-0.

I prezzi della Salzburg Card variano in funzione delle ore (giorni) di utilizzo: per 24/36/48 ore i costi sono rispettivamente:

Adulti 

  • in bassa stagione 26/36/41 €, 
  • in alta stagione 31/40/46 €; 

Bambini da 6 ai 15 anni 

  • in bassa stagione 14/18/20,5 €
  • alta stagione 15,5/20/23 €.

Qui sotto la tabella dei prezzi

costi della Salzburg Card di Salisburgo
Tabella dei costi della Salzburg Card di Salisburgo 2024

Cosa è incluso nella Salzburg Card lo potete vedere qui (alla fine dell’articolo).

Quasi tutti i luoghi da visitare sono nel centro città, che di solito potete raggiungere a piedi, ma con la Card potete usare gratuitamente i bus cittadini e anche quelli un po’ fuori città. 

Sono inclusi: le linee filobus 1-14, le linee autobus della ditta Albus: 20-28, 31, 34, 35, 36, 15, le linee degli autobus delle Poste 130, 140 fino a Eugendorf, il 160 fino a Elsbethen, il 180 fino a Großgmain,il 181 fino a Walserberg, il 170 fino a Rif/Taxach, la Ferrovia locale/S 1 fino a Acharting (info sul sito www.salzburg-verkehr.at)

Tenete sempre a portata di mano la Salzburg Card perché funziona anche come biglietto dell’autobus!

Un weekend a Salisburgo - itinerario 1 o 2 giorni > https://www.massimobasso.com/salisburgo-itinerario-1-2-giorni-weekend/

Giorno 1: Esplorare il cuore di Salisburgo

Iniziate la vostra avventura con una visita al maestoso Castello Hohensalzburg. Con la Salzburg Card, potrete salire sulla funicolare gratuitamente e raggiungere la cima del castello. Se è una bella giornata farete delle fotografie spettacolari.

Esplorate le sale affascinanti e immergetevi nella storia millenaria di questo luogo, senza dimenticare una visita alla torre, non fosse altro per dire che ci siete stati, le foto vengono meglio dalle mura.

Per i più pigri si può ridiscendere con la funicolare, ma, se non avete fretta, consiglio di scendere a piedi e farvi una passeggiata che vi porterà in centro.

Quasi alla fine della discesa, sulla vostra sinistra, si apre un portoncino in ferro battuto che conduce al Cimitero di San Pietro. 

Il giardino degli elfi dei 12 mesi
Il giardino degli elfi dei 12 mesi

Il Cimitero di San Pietro

Prima di entrare nel cimitero fate ancora qualche passo ed ammirate un mulino ad acqua nel centro di Salisburgo. Il proprietario del forno ha voluto ricostruire una ruota ad acqua che oggi, nonostante le apparenze, non serve più a muovere il mulino direttamente, ma genera energia elettrica per il mulino stesso. 

Tornate indietro ed entrate nel cimitero. Se ci andate al mattino con la folla, potete ammirare le storiche tombe in ferro battuto tenute in modo maniacale, fiorite e pulite, ma è andando la sera quando la folla rientra in albergo che potrete godervi veramente un momento di pace e di raccoglimento, godendo appieno della solennità del luogo.

Da qui potete esplorare le Catacombe, dalle quali però non dovete aspettarvi grandi emozioni: niente tombe, sono uno storico luogo di culto e personalmente non le ho trovate un granché.

Attraversate poi il cortile dell’Abbazia di San Pietro Apostolo ed il piccolo cortile del chiostro. Uscendo, alla vostra sinistra, sulla parete vedrete, incastonata nella roccia, una delle due parti dell’opera dell’artista tedesco Stephan Balkenhol. Si tratta dell’opera Woman in the Rock, una donna vestita di rosso incastonata nella roccia, la cui controparte, Sphaera, una sfera di metallo con un uomo sulla sommità, si trova in Kapitelplatz.

Secondo le più illustri interpretazioni, l’arte di Balkenhol si muove lungo la linea sottilissima del riconoscimento e del dubbio, della vicinanza e della distanza.

Proseguite a destra e poi lungo il viale lastricato fino alla chiesa di San Biagio, anch’essa incastonata nella roccia. In alternativa potete arrivarci tramite il tunnel sotterraneo del parcheggio, scavato nella roccia. L’ingresso è proprio sotto la Woman in the Rock. A dispetto di quanto si possa immaginare, lungo il tunnel potete ammirare le vetrine dei vari negozi di Salisburgo che qui espongono i loro oggetti. 

Diventa una passeggiata alternativa al viale spoglio, soprattutto durante una giornata di pioggia.

Girare Salisburgo, la città di Mozart con la Salzburg Card - il passaggio pedonale interno
Il passaggio pedonale interno

Giunti alla chiesa di San Biagio, se proseguite a sinistra arrivate al Mönchsberg Elevator, l’ascensore che porta alla cima della parete che sovrasta questa parte della città. 

Una volta in alto, potete fare una passeggiata nel verde e ridiscendere verso la chiesa di N.S. Maria Assunta in Cielo di Mulln e poi rientrare verso il centro. La chiesa è un po’ snobbata da chi ha poco tempo, ma vale veramente la pena ammirarne il coro a due piani, racchiuso da vetri, veramente bello ed inusuale.

chiesa di N.S. Maria Assunta in Cielo di Mulln
Chiesa di N.S. Maria Assunta in Cielo di Mulln

In alternativa, una volta arrivati alla chiesa di San Biagio potete girare a destra ed imboccare la via dello shopping di Salisburgo. 

La via dello shopping di Salisburgo

Imboccate Getreidegasse e siete nel cuore di Salisburgo. In questa via ci sono negozi di tutti i tipi, ma sicuramente uno dei temi più ricorrenti sono le famose MozartKugeln, le Palle di Mozart. Brutto nome? Credo di sì, ma le Palle di Mozart stanno a Salisburgo come la Sacher sta a Vienna, quindi rassegnatevi!

Quali sono i più buoni? Quelli più pregiati e originali li trovate al Café Konditorei Fürst, la pasticceria al civico 13 di Brodgasse, praticamente in fondo alla via. Qui nel 1890 Paul Fürst inventò i famosi cioccolatini, quindi se volete gli originali non fatevi tentare dalle imitazioni lungo Getreidegasse. 

A me le MozartKugeln non piacciono, ma tutti dicono che sono buone! Quindi il mio consiglio è di fermarvi anche al Café Mozart e di gustarvi un ottimo Strudel di Mele o la specialità della casa, la Salzburger Nockerl, una dolce nuvola tipica del posto.

banner heymondo ADS

La Casa di Mozart

Eccovi qui, ora siete pronti per la famosa casa Natale di Mozart. 

Con la Salzburg Card, potrete visitare gratuitamente la casa dove il celebre compositore è nato e scoprire i segreti della sua vita e della sua musica. Non perdete l’opportunità di ammirare gli oggetti personali di Mozart e immergervi nella sua genialità artistica.

Mi sarei aspettato più mobili e cimeli, quindi se non siete appassionati di musica, la visita potrebbe essere una delusione. Ma volete venire in questa città e mancare quest’occasione?

Adesso potete perdervi per le viuzze di Salisburgo e gustarne appieno l’atmosfera passeggiando fino a ResidenzPlatz, dove potrete vedere la seconda parte della scultura di Stephan Balkenhol – Sphaera e magari visitare il famoso caffè Tomaselli.

Caffè Tomaselli
Caffè Tomaselli

Il Museo del Natale

Povero Museo del Natale di Salisburgo, snobbato ingiustamente! Si presenta male: l’insegna è poco chiara e ti conduce in un negozio comunicante con il bar. Qui giustamente la maggior parte della gente si ferma e cataloga la visita come una fregatura. 

In realtà il museo si trova al piano superiore e racconta la storia delle decorazioni natalizie nel tempo, a partire dagli albori della cristianità, fino ad arrivare ai giorni nostri, con una collezione di decorazioni, giochi e maschere che è veramente interessante.

Mi posso spingere a dire che è uno dei musei più interessanti di Salisburgo, per la sua particolarità… ed è incluso nella Salzburg Card. Visitatelo e smentitemi!

Museo del Natale di Salisburgo
Museo del Natale di Salisburgo

Un giro in barca per concludere la giornata

Per concludere la giornata, se avanzate del tempo, approfittate del giro in barca lungo il fiume Salzach (gratuito con la Salzburg Card) , altrimenti lo farete il giorno dopo. Ammirate la città da un punto di vista diverso e godetevi il fascino dei paesaggi fluviali, mentre vi rilassate e osservate la vita quotidiana che scorre tranquilla lungo le sponde.

Il mio giudizio? Turistico, ma interessante.

Giorno 2: Cultura e natura in un’unica avventura

Iniziate la giornata visitando il magnifico Duomo di Salisburgo. Questa maestosa chiesa barocca vi lascerà senza fiato con i suoi affreschi colorati e la maestosa cupola. 

Successivamente, dirigetevi verso il Castello di Mirabell, Il nome Mirabell deriva dalla combinazione delle due parole italiane mirabile e bella. Ammirate i fantastici giardini e visitate la famosa Sala dei marmi, l’ex salone delle feste del principe arcivescovo, una delle “sale per matrimoni più belle del mondo”.

Qui ha suonato Mozart e ancora oggi vengono celebrati regolarmente matrimoni, se ci andate nel fine settimana, vi potrebbe capitare di vederne uno.

Girare Salisburgo, la città di Mozart con la Salzburg Card -109-9
I giardini del Mirabell

Rilassatevi un attimo nel giardino degli elfi dei dodici mesi dell’anno, prima di ripartire per la vostra gita.

La residenza di Mozart, gratuita con la Salzburg Card
La residenza di Mozart, gratuita con la Salzburg Card

Come mancare la residenza dei Mozart? Dopo la casa Natale di Amadé, come lo chiamano affettuosamente qui, ascoltate le storie e le arie in quella che fu la seconda residenza del celebre compositore e della sua famiglia.

Per concludere in bellezza il vostro weekend a Salisburgo, potete avventurarvi alla visita del Castello Helbrunn. Visitando la mostra “SchauLust” si possono ammirare gli ambienti del castello e scoprire i dettagli della sua storia. Gli innamorati che desiderano sposarsi possono trovare qui uno scenario perfetto per il loro giorno più bello. 

Mi viene un dubbio… dopo Las Vegas, che Salisburgo voglia diventare la Capitale dei Matrimoni?

Conclusione e Mappa

Abbiamo finito il nostro tempo, ma se a voi ne rimane e siete amanti delle escursioni, potrete anche fare una passeggiata panoramica lungo i sentieri di montagna e scoprire paesaggi selvaggi e incontaminati.

Vi lascio con una panoramica sulla Salzburg Card e con la mia Mappa.

Grüß Gott!!

Cosa è incluso nella Salzburg Card

Vedete l’opuscolo qui in PDF

  • ASCENSORE DEL MÖNCHSBERG: l‘ascensore Mönchsberg conduce in soli 30 secondi sull‘imponente montagna della città di Salisburgo.
  • CASA DI MOZART: dove visse W. A. Mozart dal 1773 al 1780. 
  • CASA NATALE DI MOZART dove nacque W. A. Mozart il 27 gennaio 1756. 
  • CATACOMBE all’interno del Mönchsberg sono di origine paleocristiana. 
  • COLLEZIONE AUDIOVISIVA MOZARTIANA 
  • DOMQUARTIER SALZBURG
  • FORTEZZA HOHENSALZBURG (biglietto base: andata e ritorno, ingresso all’area della fortezza, tour panoramico (“Salzmagazin”, torre panoramica, il toro di Salisburgo), Museo della fortezza, Museo del reggimento Rainer, Museo delle marionette, Esposizione Zeughaus. 
  • FUNIVIA DELL’UNTERSBERG 
  • HELLBRUNN – CASTELLO E GIOCHI D’ACQUA
  • NAVIGAZIONE DELLA CITTÀ DI SALISBURGO con il Motoscafo panoramico “Amadeus Salzburg”
  • TEATRI DEL FESTIVAL
  • MUSEO DI ARTE MODERNA SALZBURG e ALTSTADT (RUPERTINUM) & MÖNCHSBERG 
  • MUSEO DEL NATALE DI SALISBURGO
  • MUSEO DEL FOLCLORE
  • MUSEO DI SCIENZE NATURALI
  • MONDO DELLA BIBBIA Centro interattivo
  • MUSEO DEL GIOCATTOLO
  • MONDO DELLA BIRRA STIEGL
  • ZOO DI SALISBURGO HELLBRUNN

Più un sacco di altre agevolazioni e sconti.

Viaggia in Europa

Di questi luoghi racconto le mie impressioni: emozioni, sorprese e delusioni. Viaggio per fare fotografie e fotografo per avere una scusa per viaggiare.

Prima di tutto il bagaglio: dai un’occhiata a cosa mettere in valigia: la lista da stampare per il viaggio perfetto. Puoi anche stamparla e compilarla offline!

Scopri le meraviglie della natura in Europa leggendo gli articoli sul Delta del Danubio, con i suoi animali ed i suoi panorami, naviga verso le Isole Shetland oppure lasciati affascinare dalla Finlandia e dai suoi orsi bruni (che abbiamo visto anche con gli orsacchiotti in Romania)

Esplora la Francia viaggia dalla profumata Provenza con i suoi girasoli e la sua lavanda, alla Camargue, con le sue tradizioni e la Course Camarguaise, la corrida incruenta o attraversa le fredde acque della baia di Mont Saint Michel.

A presto!

Dal Blog

PARTI ADESSO

Max
Maxhttps://www.massimobasso.com
Appassionato di fotografie, di storia e di culture orientali, viaggia per soddisfare la sua innata curiosità.Ama il caldo e stare all'aria aperta, scoprire luoghi nuovi, conoscere persone ed abitudini, osservare la Natura. Ha una sfida con se' stesso: assaggiare i cibi più strani in circolazione.

Ti possono interessare?