Ruesi, gli eremiti della foresta

I Ruesi sono eremiti che praticano l’ascetismo ed il romitaggio per elevare la loro conoscenza e sono dediti a diverse pratiche religiose antiche.

Queste tradizioni risalgono ad un’epoca precedente al buddismo e proprio per questo i Ruesi non sono considerati parte della comunità monastica o della Sangha, come questa viene chiamata, ma seguono piuttosto le antiche pratiche originarie dell’induismo e dell’animismo, solo in seguito confluite nella religione buddista.

Avvertenze importanti sui contenuti di questo sito
(clicca qui prima di continuare nella lettura)

Questo è un blog di viaggi, le indicazioni presenti negli articoli sono fornite gratuitamente a scopo divulgativo e potrebbero essere non aggiornate o incomplete. Prima di acquistare, di prenotare o di partire consultate sempre i siti ufficiali. Alcuni link in questo articolo possono essere sponsorizzati, ovvero, se comprate tramite il link non pagate di più, ma mi viene riconosciuta una commissione. Gli articoli aggiornati o pubblicati a partire da febbraio 2024 riportano un asterisco* accanto ai link sponsorizzati. Inserisco i link solo se pertinenti e dopo averli verificati.

Ruesi è l’equivalente del termine induista Rishi, che può essere tradotto come eremita. Originariamente era riferito ad un indovino, uno sciamano o un guaritore che viveva in un luogo isolato, di solito su una montagna o nella foresta, dove trascorreva il suo tempo in meditazione, lontano dal mondo e dalle tentazioni.

I Ruesi, chiamati anche Lersi o Phra Lersi, fin dall’antichità erano coloro che curavano i malati, proteggevano le persone dal male o dalla sfortuna ed erano in grado di predire il futuro. Dopo che il Buddismo si diffuse in Thailandia, la loro influenza diminuì e gradualmente svanirono dalla spiritualità tradizionale.

Ruesi, gli eremiti della foresta > https://www.massimobasso.com/ruesi-gli-eremiti-della-foresta/

Poteri magici e di guarigione

Secondo la tradizione i Ruesi, oltre alle cure tradizionali con le piante medicinali, con la meditazione arrivano ad avere la capacità di leggere il presente, il passato e il futuro e possono produrre potenti amuleti, molto ricercati dai fedeli.

Oltre alle facoltà mentali ed alla conoscenza di erbe e minerali, alcuni Ruesi sono specializzati in massaggi e riti di guarigione, oppure in astrologia, diventando a volte punto di riferimento della comunità. Spesso gli amuleti ed i tatuaggi rituali o Sak Yant, vengono realizzati proprio su loro indicazione.

Nella cultura thailandese sono di solito rappresentati in meditazione, seduti, con una lunga barba ed un copricapo, oppure in piedi con un bastone, spesso avvolti in una pelle di tigre e con il mala al collo, più o meno come la figura nella foto.

Immagine di un Ruesi o Rishi in Thailandia
Immagine di un Ruesi o Rishi in Thailandia di F. Gloor CC BY-NC-SA 2.0 DEED

I Ruesi oggi in Thailandia

Le stime del numero di Ruesi che vivono oggi in Thailandia sono controverse, ma si possono stimare intorno al centinaio e dopo aver vissuto nell’anonimato per tanti anni, alcuni di loro si stanno adattando alla modernità. Per questo motivo è possibile trovare pagine Facebook o Instagram dei Ruesi più popolari.

Online si possono trovare le loro fotografie, quelle degli amuleti magici, immagini dei pellegrinaggi, delle benedizioni ricevute dai monaci e tutto quello che può interessare i seguaci, oltre ovviamente agli amuleti, che si possono acquistare anche a distanza.

Quelli che ancora praticano tradizionalmente l’ascetismo e non cercano la notorietà, però, non si lasciano contagiare dalla mondanità e vivono in ripari di fortuna, capanne o grotte, soprattutto nelle zone di confine con il Laos, la Cambogia e la Birmania.

banner heymondo ADS

Per saperne di più sulla Thailandia

Paesaggi, mare, città, montagne, persone, storia, tradizioni e spiritualità: la Thailandia offre tutto questo e molto di più. Il paese del sorriso accoglie i visitatori con un calore ed una gentilezza unica che vi conquisterà fin dal primo giorno.

Partiamo dalla capitale: Bangkok è una città che da sola potrebbe valere il viaggio. Scopritene le meraviglie e le gemme nascoste con la mia guida Bangkok cosa fare in uno o due giorni con itinerario

Immergetevi nelle ricche culture di questo incredibile paese mentre scoprite le sue storie affascinanti, le città vibranti, i paesaggi mozzafiato e il cibo delizioso.

Prima di partire controllate il bagaglio: date un’occhiata a cosa mettere in valigia: la lista da stampare per il viaggio perfetto. Potete anche stamparla e compilarla offline! E non dimenticate un buon libro, scegliendo fra quelli consigliati nel mio articolo Otto libri per un viaggio in Vietnam, Laos e Cambogia.

banner heymondo ADS

Viaggiare è facile: tuktuk, motorini, voli convenienti e regolari servizi di autobus vi portano ovunque. Senza dimenticare una classica escursione in barca per godersi il sole ed il paesaggio.

Ciao, ci vediamo in Thailandia!

Dal Blog

PARTI ADESSO

Max
Maxhttps://www.massimobasso.com
Appassionato di fotografie, di storia e di culture orientali, viaggia per soddisfare la sua innata curiosità.Ama il caldo e stare all'aria aperta, scoprire luoghi nuovi, conoscere persone ed abitudini, osservare la Natura. Ha una sfida con se' stesso: assaggiare i cibi più strani in circolazione.

Ti possono interessare?