Sharm El Sheikh e Mar Rosso, cosa sapere per organizzare la vacanza

Sharm El Sheikh e Mar Rosso, cosa sapere per organizzare la vacanza 

Il Mar Rosso, con Sharm El Sheikh in particolare, ma anche Hurgada e Marsa Alam, è un paradiso naturale situato tra Africa e Asia. Grazie al fatto di essere uno dei mari più caldi del mondo e di avere una temperatura poco variabile durante tutto l’anno, questo angolo del pianeta risulta essere un vero paradiso per le specie acquatiche, sia animali che vegetali, che trovano in queste condizioni climatiche il loro habitat naturale ideale.

Caldo, sole, natura e disponibilità di strutture sono gli elementi fondamentali che hanno contribuito nel tempo a rendere il Mar Rosso una destinazione che attrae ogni anno migliaia di turisti da tutto il mondo ed in particolar modo dall’Italia.

Avvertenze importanti sui contenuti di questo sito
(clicca qui prima di continuare nella lettura)

Questo è un blog di viaggi, le indicazioni presenti negli articoli sono fornite gratuitamente a scopo divulgativo e potrebbero essere non aggiornate o incomplete. Prima di acquistare, di prenotare o di partire consultate sempre i siti ufficiali. Alcuni link in questo articolo possono essere sponsorizzati, ovvero, se comprate tramite il link non pagate di più, ma mi viene riconosciuta una commissione. Gli articoli aggiornati o pubblicati a partire da febbraio 2024 riportano un asterisco* accanto ai link sponsorizzati. Inserisco i link solo se pertinenti e dopo averli verificati.

Facilità di accesso e disponibilità alberghiere

Anche se nel tempo ha subito alterne fortune, dovute a ragioni politiche ed economiche, il Mar Rosso è sicuramente una delle mete preferite dagli italiani.

Ciò è dovuto principalmente alla vicinanza all’Italia, ai prezzi convenienti, alla moderata differenza di fuso orario e al fatto che, nel Mar Rosso, fa caldo tutto l’anno

Ma tutto questo è stato possibile anche perché, negli anni, sono sorte numerose strutture alberghiere gestite da italiani o dedicate ad un’utenza italiana, che hanno permesso ai nostri compatrioti di trovarsi a proprio agio non solo per il clima, ma anche per il cibo e le bevande.

Veniamo alle informazioni importanti 

Sharm el Sheik Mar Rosso

Un paradiso per le immersioni

Grazie alla varietà ed al numero di specie marine acquatiche osservabili, insieme alla limpidezza del mare che offre un’eccellente visibilità, il Mar Rosso è diventato un vero e proprio paradiso per gli amanti dello snorkeling e delle immersioni!

Proprio grazie alla popolarità nella zona sono sorti anche moltissimi ed attrezzatissimi centri diving che portano i visitatori alla scoperta di luoghi e di fauna marina spettacolari.

Cosa vedere a Sharm el Sheikh

Inutile dire che l’attrazione principale di Sharm el Sheikh è il mare, sia per chi ama starsene sulle spiagge dorate, sia per chi ama lo Snorkeling, che per coloro che preferiscono il Diving.

La fantastica barriera corallina, che ospita un’incredibile biodiversità, è infatti facilmente raggiungibile indossando pinne, boccaglio ed occhiali, ma sicuramente riserva il meglio per coloro che fanno immersioni.

Una della destinazioni più gettonate per questo tipo di attività è sicuramente Ras Mohamed. Situato nel sud della penisola del Sinai, questo parco marino di 480 chilometri quadrati ospita un’incredibile biodiversità e da solo vale il viaggio.

Un’altra attrazione da non perdere è il Blue Hole, una dolina marina che è stata poi riempita dal mare. Anche qui è possibile osservare la barriera corallina in tutto il suo splendore.

Chi ama la storia non può perdersi il monastero di Santa Caterina e alcune meravigliose oasi come Ein Khudra, uno splendido angolo di paradiso nel cuore arido del deserto. Durante la gita potrete ammirare il Canyon Bianco ed il Canyon Colorato, con le falesie dai colori spettacolari, che vanno dal mattone all’oro.

Imperdibile, tra le cose da vedere a Sharm, il Deserto Blu, l’oasi di Ein Umm Ahmed e la rigogliosa oasi di Ein Kid

banner heymondo ADS

Il periodo migliore per una vacanza a Sharm el Sheikh

Sharm el Sheikh ha un clima ottimo che permette di andare in vacanza in ogni periodo dell’anno. 

In questo angolo di paradiso è possibile fare il bagno al mare e godersi un po’ di riposo tutto l’anno, con dei distinguo.

Anche nei mesi invernali, infatti, la temperatura minima non scende quasi mai sotto i 23 gradi, permettendo sempre di godersi la spiaggia e l’acqua del Mar Rosso, ma non aspettatevi di avere i 28 gradi in acqua che si raggiungono solo durante i mesi estivi.

Anche nei mesi estivi, nonostante il caldo raggiunga temperature elevate, il Mar Rosso ha un clima vivibile e quasi mai troppo afoso.

Probabilmente però i periodi migliori per visitare Sharm el Sheikh sono le stagioni intermedie. Nel periodo che va da Febbraio a Maggio e da Settembre a Dicembre, le temperature sono ottimali per godersi la vacanza, anche per quanto riguarda il mare. Il clima di solito è sereno ed il caldo non è eccessivo di giorno, mentre alla sera le temperature sono piacevolmente fresche.

Sharm el Sheik Mar Rosso

Ora Ufficiale

L’orario ufficiale dell’Egitto è sempre di un’ora in più rispetto a quella italiana, tranne nei mesi in cui è in vigore l’ora legale.

Attenzione, però, perché quando si parla di ora legale l’Egitto è un po’ indeciso.

L’ora legale fu, infatti, introdotta al termine della Seconda Guerra Mondiale, per essere abbandonata nel 1975 e reintrodotta nel 1982. Nel 2011 l’ora legale fu nuovamente eliminata e tre anni dopo reintrodotta, ma a Sharm el Sheikh molti ignorarono i cambiamenti, per evitare di confondere gli ospiti.

Proprio il 2014 fu un anno Horribilis per gli orari, infatti fra variazioni per il Ramadan e altri variazioni, ci furono parecchi problemi ed incomprensioni, soprattutto per chi doveva prendere un aereo. Nel 2016 l’ora legale fu nuovamente revocata e reintrodotta solo il 29 aprile 2022.

Stay Tuned per le prossime avventure! 

Documenti e visti per il Viaggio nel Mar Rosso

Viaggiatori gioite: per viaggiare a Sharm el Sheikh a noi italiani in linea di massima non serve il passaporto

Per aggiornamenti però consultate sempre il sito della Farnesina: https://www.viaggiaresicuri.it/find-country/country/EGY(Consultare la Sezione “Requisiti di Ingresso” di questa Scheda per maggiori informazioni.)

Solo per turismo, è possibile l’ingresso nel Paese con carta d’identità cartacea o elettronica valida per l’espatrio, con validità residua superiore ai sei mesi, accompagnata da due foto formato tessera, necessarie per ottenere il visto che si richiede alle locali Autorità di frontiera, all’arrivo nel Paese (in mancanza delle foto NON viene rilasciato il visto di ingresso): caldamente raccomandato, quindi, di munirsi delle foto prima della partenza dall’Italia, perché sarà difficile e costoso farle in loco, se non impossibile. 

Le Autorità di frontiera egiziane non consentono l’accesso nel Paese ai viaggiatori in possesso di carta di identità elettronica con certificato di proroga (cedolino cartaceo di proroga di validità del documento). Ugualmente non è accettata la carta di identità cartacea con validità rinnovata mediante apposizione di timbro sul retro.  

Visto per Sharm el Sheikh

Se durante la vacanza rimarrete nell’area dei resort della costa meridionale del Sinai e non si intende raggiungere altre destinazioni, il visto è semplicissimo. 

Per periodi fino a 14 giorni non è richiesto il visto turistico ordinario, ma è sufficiente l’ONLY SINAI VISA, una sorta di Visa On Arrival gratuito ottenibile direttamente in aeroporto, tramite timbro sul passaporto. Per chi ha la carta d’identità viene rilasciato un visto in cartoncino, che va conservato per tutto l’arco del soggiorno e va esibito all’aeroporto prima dell’imbarco per il volo di ritorno in Italia. 

Booking.com

Voli aerei per Sharm el Sheikh

Sharm el Sheikh è relativamente vicino all’Italia e ci sono numerose offerte di voli da quasi tutti gli aeroporti italiani. Ecco nel dettaglio le distanze dai vari aeroporti dell’Italia 

  • Da Milano Malpensa e Bergamo Orio Al Serio, Verona Villafranca e Bologna Borgo Panigale 4 ore circa
  • Da Roma Fiumicino 3 ore e 40 minuti, mentre da Napoli e Bari meno di 3 ore e mezza

Sepoffà?

Vaccini

Per viaggiare in Egitto non è necessario nessun vaccino in particolare, ma come per tutti i paesi che non siano europei, consiglio di consultare il vostro medico per un consiglio, senza panico 😊

Elettricità e prese di corrente

Per Sharm el Sheikh non è necessario nessun adattatore, infatti, le prese elettriche sono simili a quelle italiane e la corrente elettrica è di 220 Volt. 

Sicurezza e zone da evitare

L’Egitto, se vi limitate a i classici circuiti turistici, è un paese sicuro per viaggiare. Ci sono tuttavia zone che è meglio evitare: al riguardo vi consigliamo di leggere, prima della partenza, la pagina della Farnesina, dove potrete trovare informazioni aggiornate riguardo alle aree di particolare cautela.

Numeri e indirizzi utili

Qui di seguito alcuni indirizzi e numeri di telefono utili per il viaggio e le emergenze:

Mappa di Sharm el Sheikh

mappa Sharm el Sheikh e Sinai mar rosso
Mappa di Sharm El Sheikh link alla mappa interattiva

Mappa di Sharm El Sheikh link alla mappa interattiva

Per saperne di più sull’Africa

I miei viaggi in questi luoghi sono raccolti nella pagina degli articoli sull’Africa. Se vuoi un’idea per una prima avventura africana leggi l’articolo sul Parco Nazionale Kruger, Sudafrica, puoi anche curiosare tra gli ultimi articoli pubblicati, fare una ricerca (la casella è in alto) oppure scegliere dagli argomenti a fondo pagina.

E mi raccomando, dai un’occhiata a cosa mettere in valigia: la lista da stampare per il viaggio perfetto. Puoi anche stamparla e compilarla offline!

Ecco alcuni articoli che potrebbero interessarti:

I leoni del Serengeti e la migrazione degli gnuI gorilla di montagna del parco di Bwindi in UgandaSafari avventura nel delta dell’OkawangoGorilla a Bai Hoku in Repubblica Centrafricana, Caccia con le reti con i pigmei ba’akaPrimati in Uganda: gorilla e tante altre specie.

Puoi leggere anche delle esperienze di volontariato alla Pediatria di Kimbondo in Repubblica Democratica del Congo: Volontario alla Pediatria di Kimbondo: La MostraRacconti sulla mia esperienza alla Pediatria di Kimbondo Rep. Dem. del CongoPrimi giorni alla Pediatria di Kimbondo, RD del CongoLa giornata del volontario alla Pediatria di Kimbondo, ma ce ne sono tanti altri.

Arrivederci presto!

Dal Blog

PARTI ADESSO

Max
Maxhttps://www.massimobasso.com
Appassionato di fotografie, di storia e di culture orientali, viaggia per soddisfare la sua innata curiosità.Ama il caldo e stare all'aria aperta, scoprire luoghi nuovi, conoscere persone ed abitudini, osservare la Natura. Ha una sfida con se' stesso: assaggiare i cibi più strani in circolazione.

Ti possono interessare?