I Templi Kohfukuji e il Buddha della guarigione a Nara

I Templi Kohfukuji a Nara ed il Budda della Guarigione

Il complesso di Templi Kohfukuji di fede Buddista si trova a Nara in Giappone. Il complesso è distante un’oretta di treno da Kyoto ed è noto soprattutto per la pagoda a cinque piani (che non sono riuscito a fotografare bene), per il Padiglione Dorato Centrale e per il Padiglione Dorato orientale con la statua del Buddha della Guarigione Yakushi Nyorai.

Storicamente, Kohfukuji aveva tre Padiglioni dorati. Il più antico ed importante era il Padiglione Dorato Centrale, così chiamato perché si trovava tra proprio al centro del Tempio. Erano chiamati Saloni o Padiglioni Dorati le strutture che ospitavano una o più icone buddiste. Queste immagini erano solitamente in oro o colorate d’oro cosicché la luce riflessa sui loro corpi illuminasse la sala con bagliori dorati, un’allegoria dell’insegnamento del Buddha che illumina il mondo con la luce della saggezza.

Tempo di lettura stimato: 11 minuti

Questo è un blog di viaggi, le indicazioni presenti negli articoli sono fornite gratuitamente a scopo divulgativo e potrebbero essere non aggiornate o incomplete. Prima di acquistare, di prenotare o di partire consultate sempre i siti ufficiali. Alcuni link in questo articolo possono essere sponsorizzati, ovvero, se comprate tramite il link non pagate di più, ma mi viene riconosciuta una commissione. Inserisco i link solo se pertinenti e dopo averli verificati.

In questo articolo

Questo articolo riporta la storia del Tempio e tratta in particolare del Padiglione Dorato Orientale, Eastern Golden Hall. Questa è la parte più antica ed originale insieme alla Pagoda a Cinque Piani, mentre il resto è in gran parte stato ricostruito recentemente. Interessante anche il Salone Centrale che ospita l’antica Statua di Shaka Nyorai, il Buddha storico, che però non è trattato in questo articolo.

Il tempio Kohfukuji - scalinata di accesso
Il tempio Kohfukuji – scalinata di accesso

Storia antica del Tempio Kohfukuji a Nara

Il Tempio Kohfukuji fu costruito a Nara proprio quando questa divenne la Nuova Capitale. Al culmine del suo splendore il Tempio arrivò a contare circa 150 edifici.

La nascita del Tempio risale all’anno 669 d.C. quando Kagami no Okimi, moglie di Kamatari, fondatore della famiglia Fujiwara, fece costruire la prima cappella in una tenuta vicino a Kyoto come offerta per la convalescenza del marito. Le prime statue che Kagami fece posizionare all’interno della cappella furono quelle della Triade di Shaka (lo storico Buddha insieme ai due servitori) che il marito stesso aveva ordinato ad alcuni artigiani del posto.

Spostamenti e vicissitudini del Tempio Kohfukuji

Già nel 672, in seguito ad alcuni tumulti popolari il Tempio fu per la prima volta smontato e trasferito da a Yamashina Suehara a Umayasaka, ma fu nel 710 che il Tempio trovò la sua destinazione definitiva a Nara nella posizione attuale, dopo che questa divenne la nuova Capitale. Il Tempio, con il nuovo nome di Kohfukuji, letteralmente Il Tempio che genera benedizioni, col tempo si ingrandì e con continue donazioni crebbe fino ad essere considerato nel tempo fra i maggiori del regno.

Negli anni il complesso di Kohfukuji subì alterne vicende, fra splendori, restrizioni e carestie, ma il culmine della decadenza fu raggiunto nei primi anni del periodo Meji. Tra il 1868 ed il 1912 furono attuate violente campagne anti buddiste, il Tempio fu confiscato e buona parte del contenuto andò distrutto. Solo molto tempo dopo fu concesso ai devoti della religione Hosso di riappropriarsene e di utilizzarlo come luogo di culto.

Cosa vedere durante la visita al complesso di Templi Kohfukuji

Il complesso dei Templi Kohfukuji occupa un’ampia area facilmente accessibile dove c’è anche anche un piccolo museo che ospita numerose opere storiche interessanti. Fra queste la statua di Ashura con tre facce e sei braccia risalente all’anno 734, una delle statue buddiste più belle ed inusuali di tutto il Giappone. Ashura, originariamente un semidio della mitologia indiana, nella pratica Buddista è ritenuto protettore del Buddha e dei suoi insegnamenti. Questa figura (che nella mitologia Hindu è associato all’avidità ed all’ira), ha in genere sembianze spaventose, con capelli arruffati e denti simili a grandi zanne, mentre la statua conservata qui trasmette una sensazione di calma e di consapevolezza, diverso da come lo si potrebbe immaginare e per questo unica.

Il Padiglione Dorato Centrale

Dei padiglioni visitabili il Salone Dorato Centrale è l’edificio più importante e anche il più nuovo del complesso di Kohfukuji, ricostruito interamente nel 2018. L’attuale sala ospita un’immagine di Shaka Nyorai risalente al 1811 e le sculture originali di due Bodhisattva. Ospita inoltre la divinità Daikokuten e i Quattro re celesti, nonché un’immagine storica della dea Kisshoten (un adattamento alla fede Buddista della dea Induista Laksmi). L’elemento più particolare del Salone è il Pilastro Hosso, interamente coperto da grandi ritratti dei patriarchi della scuola Buddista di Hosso.

Il Padiglione Dorato Orientale

L’unico Padiglione Dorato che si presenta in gran parte originale è quello Orientale con il suo interno recuperato dalle varie distruzioni subite nel tempo, mentre la pagoda a cinque piani, anch’essa originale non è accessibile al pubblico. Le pagode sono un’eredità che deriva dagli stupa dell’antica India, e le origini possono essere identificate nei primordiali tumuli. Esse sono usate per custodire le reliquie del Buddha storico e sono un monito della presenza del Buddha stesso e del suo insegnamento.

La Pagoda a cinque piani

La pagoda a cinque piani del Tempio Kohfukuji è la seconda più alta del Giappone dopo quella del Tempio Toji di Kyoto ed è uno dei simboli di Nara. Essa ospita al suo interno le sculture dei Quattro Buddha delle Quattro Direzioni, ciascuna affiancata da due servitori in una tipica concezione Buddista Mahayana del tempo e dello spazio. Oltre alla pagoda a cinque piani nel complesso si trovano due sale circolari ed un’altra pagoda a tre piani.

Come arrivare al Tempio Kofukuji a Nara e quanto costa la visita

Il Tempio Kofukuji dista solo cinque minuti a piedi dalla stazione della ferrovia Kintetsu di Nara o 20 minuti dalla stazione JR. Il Tempio Kofukuji è raggiungibile dalla stazione JR anche con l’autobus, ma a piedi è una bella passeggiata. Inoltre, se scegliete la linea Kintetsu, appena usciti dalla stazione a destra c’è una via di negozi al coperto dove è possibile fare piccoli acquisti o assaggiare specialità locali. Proprio qui mi sono imbattuto in un piccolo locale che mi hanno indicato come uno dei migliori per gustare il Kakigori (o Shaved Ice, come spiego in questo articolo sul cibo in Giappone) – ma se volete potete anche prendere “solo” un costoso caffè.

Per visitare l’interno dei templi e del museo occorre pagare il biglietto d’ingresso, mentre la zona all’aperto è accessibile gratuitamente. Le biglietterie sono aperte dalle 9 alle 17 ed i prezzi variano per le visite singole dai 500 ai 900 yen. Il biglietto che cumula la visita a tutti i padiglioni e al museo costa di 1400 yen (marzo 2020).

Scalinata di ingresso al tempio Kohfukuji a Nara - 0001
Scalinata di ingresso al tempio Kohfukuji a Nara

Il padiglione orientale ed il Buddha della Medicina

Alcuni anni dopo la costruzione e lo spostamento del nucleo principale l’imperatore Shomu fece costruire il padiglione orientale come offerta e luogo di preghiera per la convalescenza della zia, l’imperatrice Gensho, ritaratasi a vita privata dopo una malattia. Dopo il completamento della costruzione intorno al 726, al suo interno furono posizionate tre statue raffiguranti la triade del Buddha della Medicina Yakushi Nyorai e dei suoi assistenti e fratelli Nikko e Gakko, rispettivamente la luce del Sole e la luce della luna.

Il tempio Kohfukuji brochure del Padiglione Dorato

Il Tempio ebbe alterne vicende e fu ripetutamente distrutto e ricostruito, prima nel 1017, poi nel 1046 e per la terza volta incendiato nel 1180 dai Taira. Lo Shogun Kamakura lo fece ancora ricostruire intorno al 1185, ma fu nuovamente distrutto da altri due incendi nel 1356 e nel 1411. L’edificio attuale è del 1415, un vero primato per un edificio in legno ed è classificato Tesoro Nazionale.

Le immagini del Padiglione d’Oro Orientale – Eastern Golden Hall

Yakushi Nyorai è il Maestro della Medicina o in alcuni casi anche Maestro della Medicina dalla Luce Lapislazzuli (Yakushiyuriko Nyorai). Conosciuto anche col nome sanscrito di Bhaisajyaguru è solitamente rappresentato seduto nella posizione del loto, ed il suo corpo è blu lapislazzuli. Come suggerisce il nome i suoi poteri sono quelli di aiutare nell’allungamento della vita e nella cura delle malattie, ma anche quello di riportare le creature sul giusto cammino spirituale, proteggendole nella pratica religiosa.

Yakushi Nyorai il Buddha della Medicina in Giappone

Il culto del Buddha della Medicina si diffuse in Giappone a partire dal settimo secolo e col tempo ha avuto molto seguito, sostituendosi in buona parte al culto di Ashuku, venerato nel primordiale culto dell’AdiBuddha, una delle tante correnti religiose legate alla figura del Buddha.

Per saperne di più sulle origini della religione Buddista puoi vedere questo articolo sulle origini ed i luoghi storici del Buddha, che ho scritto in occasione della mia visita a Sarnath in India

L’immagine all’interno del padiglione è di rame modellato su una struttura di argilla e fu costruita sul modello di un’immagine precedente, già copia dell’originale del periodo di Nara. Durante la ristrutturazione dell’edificio nel 1937 sotto la base del trono fu rinvenuta una testa, derivante dall’originale del 685. L’immagine, considerata perduta per anni ora è esposta nella sala del Tesori di Kohfukuji.

Altre figure all’interno del Padiglione Dorato

Altre figure all’interno sono ad esempio i 12 generali protettori del fedele e del Buddismo, emanazioni dello stesso Buddha, statue risalenti al XIII secolo. All’interno c’è un piccolo angolo dedicato alle Ema, le tavolette votive giapponesi, che sono a disposizione dei fedeli in apposite bustine al costo di una piccola offerta di 500 yen. All’interno di ciascuna busta ci sono due tavolette: una è da compilare con le proprie intenzioni ed il proprio nome o quello della persona cara, la seconda, elegantemente decorata è da tenere o regalare.

Come al solito con rispetto.

Conclusione

La misticità del luogo, la storia e l’arte del luogo rendono la visita i Templi Kohfukuji una delle visite più interessanti di Nara, la cui estensione naturale è la visita al Parco dei Cervi. Ovviamente, vista la contiguità dei luoghi anche qui non è difficile incontrare o magari essere inseguiti da qualche cervo più intraprendente degli altri. Questa però è un’altra storia.. alla prossima!

Fonti dell’articolo sul complesso di Templi Kohfukuji:

Per saperne di più sul Giappone

Il Giappone è un mondo nuovo da esplorare, dove tutto è diverso da quello a cui siamo abituati. Per imparare qualcosa sul paese, prima di partire leggi uno degli Otto libri per un viaggio in Giappone che consiglio nel mio articolo.

Innanzitutto il bagaglio: dai un’occhiata a cosa mettere in valigia: la lista da stampare per il viaggio perfetto. Puoi anche stamparla e compilarla offline!

Prima di partire compra la Guida del Giappone della Lonely Planet (controlla che sia l’ultima edizione, marzo 2020). Se vai a Tokyo, conviene comprare una guida specifica, anche per questo Lonely Planet è sempre il meglio.

Organizza il viaggio per il Giappone, ma prima leggi Il periodo migliore per un viaggio in Giappone, magari sfruttando il Japan Rail Pass qualche consiglio per scegliere un hotel in Giappone e cosa mangiare nel paese del sol Levante.

Poi avventurati in questo fantastico paese partendo da Tokyo, che puoi vedere anche in questo breve video di Tokyo in tre minuti. Immergiti in una Onsen, come le scimmie delle nevi di Jigokudani o scatta un bellissimo selfie sullo sfondo dei coloratissimi Torii del santuario Fushimi-Inari Taisha.

Insomma, non c’è da annoiarsi..

Ti piace l'articolo?

Dal Blog

Max
Maxhttps://www.massimobasso.com
Massimo Basso le mie passioni sono stare all'aria aperta, viaggiare, scoprire luoghi nuovi, conoscere persone ed abitudini, osservare la Natura e, quando posso, fare qualche bella fotografia. Le foto (se riportano la mia firma) sono mie e non sono riproducibili senza consenso.

Ti possono interessare?