Golden Week 

La Golden Week in Giappone (Settimana d’oro o gōruden wīku), è un periodo di festività nazionali durante il quale la popolazione gode di un periodo di vacanza. In tutto il paese ci sono feste e celebrazioni e chi può ne approfitta per un viaggiare o per andare a trovare i parenti.

La Golden Week cade nel periodo che va dalla fine di aprile fino ai primi giorni di maggio ed è stata ufficialmente istituita nel 1948. La Golden Week è un momento particolare in quanto tutto il Giappone entra in festa ed oltre a celebrazioni e svaghi i giapponesi colgono anche l’occasione per commemorazioni e per passare un po’ di tempo in famiglia.

Scopri invece cosa fare a New York in maggio

Golden week Giappone

Foto di Rumpleteaser su Flickr

L’appellativo Golden Week risale al 1951.

Durante il 1951 le attività commerciali legate ai festeggiamenti registrarono un picco di incassi durante il periodo di festa tale da superare quelli di ogni altro periodo dell’anno, incluso Capodanno e altre festività nazionali. Da allora l’appellativo Settimana d’oro fu utilizzato per indicare il periodo festivo.

Questo appellativo deriva dalla formula “golden time” con cui, nelle radio Giapponesi, si indicava il periodo con il maggior numero di ascoltatori. In particolare, il grande successo del film Jiyu Gakko, rilasciato appunto nei primi di maggio del 1951, fu l’evento ispiratore per l’adozione dell’espressione Settimana d’oro.

Jiyu Gakko – Scuola di Libertà

Solo per dovere di cronaca Jiyu Gakko, che significa “Scuola di Libertà” è una pietra miliare dell’immediato dopoguerra. Nel film si narra di una Tokyo devastata dopo la sconfitta nella seconda guerra mondiale, dove la povertà si diffonde insieme ad un fiorente mercato nero. In questo contesto si sviluppano nuove libertà grazie alla rimozione dei divieti di diffondere films e letture un tempo proibite. I questo contesto fioriscono il desiderio di riscatto, una nuova cultura di eguaglianza di genere e la curiosità di scoprire nuove abitudini. (Flores, Linda. Bulletin of the School of Oriental and African Studies, University of London 71, no. 3 (2008): 600-02. Consultato il 13 aprile 2021)

Le feste della Golden Week sono quattro:

Shōwa Day (Showa no Hi) 29 aprile.

Questa giornata è anche nota come Festa dell’Imperatore. La giornata è stata introdotta per la prima volta nel 2007 per celebrare appunto il compleanno dell’Imperatore Hirohito, del periodo Shōwa. Prima del 2007 la giornata era conosciuta col nome di Greener Day e cambiò nome in seguito della morte dell’Imperatore Hirohito, avvenuta però nel 1989.

Constitution Day (Kempō Kinenbi), 3 maggio.

La festività celebra la costituzione Giapponese entrata in vigore successivamente alla Seconda guerra mondiale. Questa costituzione è stata un punto di svolta per il Giappone in quanto ridefinisce la figura dell’Imperatore come simbolo di unità nazionale e conferisce il potere democratico al popolo.

Il Constitution Day è anche un giorno dedicato alla celebrazione della pace, ricordando la fine dell’epoca imperialista del Giappone e l’inizio di rapporti diplomatici con le popolazioni vicine. In questa giornata, il National Diet Building a Tokyo, luogo dove la costituzione è stata concepita, è eccezionalmente aperto al pubblico.

Greener Day (Midori no Hi) 4 maggio

Prima del 2007 la giornata del Greener Day, che celebrava l’amore che l’Imperatore aveva per la natura, aveva luogo il 29 aprile, al posto dello Shōwa Day.

Successivamente, il Greener Day è stato spostato al 4 maggio. In questa giornata hanno luogo una serie di iniziative culturali e spirituali per celebrare il rapporto speciale dei Giapponesi con la natura.

Children’s Day (Kodomo no Hi), 5 maggio.

Conosciuta anche col nome di Boy’s Festival (Tango no Sekku), in questa giornata i genitori si dedicano a delle attività e rituali per pregare per la salute e il successo dei loro figli. Le famiglie sono solite esporre, in occasione di questa festa, il kabuto, noto copricapo samurai, che rappresenta la loro veglia e protezione sui figli. La festività è solitamente dedicata ai figli maschi; le bimbe sono invece celebrate nella giornata dell’Hina Matsuri, a marzo.

Anche se festa è ufficialmente dedicata a tutti i bambini, questa è celebrata in particolare per augurare buona salute ai figli maschi. La festa dedicata alle bambine cade invece il 3 di marzo, e si chiama Hinamatsuri. Questa festa chiude le celebrazioni della Golden Week

Il Primo Maggio

Il Primo Maggio non rientra nelle festività della Golden Week.

Nonostante non tutte le feste siano consecutive, molti aziende concedono un periodo di vacanza per tutto il periodo della Golden Week. Per questo motivo, durante la Settimana d’oro, i Giapponesi sono soliti viaggiare, riversarsi nelle strade e prendere d’assalto parchi e musei.

Kyoto il padiglione d'oro o dorato

Visitare il Giappone durante la Golden Week

Questo periodo è uno dei più caotici per visitare il Giappone e può non essere il più consigliato se amate viaggiare tranquilli, oltre ovviamente per la disponibilità ed i prezzi di alberghi e attrazioni turistiche.

Può capitare, infatti di trovare mezzi di trasporto affollati, alberghi molto cari se non addirittura senza camere disponibili, a volte anche attività commerciali in ferie.

Poiché la Golden Week è una settimana di festa e di congedo dal lavoro – ed i Giapponesi non sono soliti prendere molti periodi di ferie durante l’anno – è soprattutto un’occasione per per rilassarsi e ricaricarsi, celebrando e ricordando la storia del Giappone.

Scopri il periodo migliore per un viaggio in Giappone.

Pianificare per viaggiare durante la Golden Week

Anche se non propriamente consigliato, visitare il Giappone durante la Golden Week non è impossibile. È necessario sicuramente pianificare il viaggio con maggior cura e soprattutto con largo anticipo. Solo in questo modo, infatti, si possono evitare gran parte dei disagi che si possono incontrare viaggiando in questo periodo molto affollato.

Perché scegliere il periodo della Golden Week

Durante la Golden Week si celebrano alcuni eventi tra i più caratteristici delle festività Giapponesi, proprio perché legati al ricordo e alla celebrazione della memoria, della storia e della cultura nazionale.

Osservare il Giappone in festa, con tutti i rituali caratteristici di queste giornate, può essere sicuramente un’esperienza piacevole. Con uno sguardo attento alle celebrazioni della Golden Week si può imparare molto del Giappone contemporaneo, così come delle tradizioni ancestrali che sono ancora radicate nella popolazione.

Per questo, molti decidono di visitare il paese specificamente in questo periodo, non curandosi delle varie difficoltà logistiche.

Relax e giornate dedicate alla famiglia

La Golden Week è un periodo dell’anno unico per il Giappone in cui emerge la tradizione e l’unità di fronte ai simboli nazionali. A questi, si unisce un ricordo anche a volte critico del passato e soprattutto delle guerre in cui il Giappone è stato coinvolto, promuovendo un messaggio pacifista e di speranza.

I Giapponesi approfittano di queste giornate per dedicarsi alla famiglia e al piacere, rinunciando alla loro proverbiale dedizione al lavoro. Per questi motivi, visitare il Giappone durante la Golden Week è sicuramente un’esperienza unica, in cui si possono osservare i cittadini e le attività locali in panni diversi dal solito.

Conclusione

Ogni momento è unico e ogni viaggio irripetibile, l’importante è partire e non curarsi se qualcosa non va come l’avevamo pianificato.

Il viaggio è un percorso, non una meta ed inizia da quando si chiude la porta di casa.

Per saperne di più

In questa pagina sono raccolti gli articoli sul Giappone. Puoi cominciare con qualche idea su costi, curiosità e notizie utili per il tuo viaggio in Giappone. Se invece stai già pianificando, vedi qui come scegliere il tuo Hotel in Giappone o butta un occhio all’articolo sulle mie esperienze col cibo nell’articolo Mangiare in Giappone, dove, cosa ordinare e quanto costa.

Un altro argomento interessante sono le Ema, le tavolette votive Giapponesi, che sicuramente ti capiterà di vedere durante un viaggio in Giappone.

Se invece cerchi altro puoi dare uno sguardo agli ultimi articoli pubblicati o scegliere fra gli argomenti presenti a fondo pagina e divisi fra etichette (più specifiche) e categorie (più generiche).

Visita questi luoghi rispettandoli e se stai partendo non dimenticare nulla: consulta e scarica la mia lista delle cose da mettere in valigia, un piccolo promemoria con qualche consiglio.

Lascia un commento, verrà visualizzato con il nome che hai scritto (non è obbligatorio indicare il cognome). L’email ed altri dati non saranno pubblicati ne’ aggiunti alla newsletter o usati a scopi pubblicitari.

Grazie e alla prossima!