Las Vegas Sin City, divertiamoci un po’..

Il soprannome di Las Vegas Sin City significa città del peccato, ma è vero? La città è famosa per essere la capitale del divertimento, dello shopping e del gioco d’azzardo, un po’ meno come capitale del peccato, in contrasto con il suo soprannome. La reputazione della città infatti è in crescita, tanto che molti abitanti di Los Angeles, in fuga dal caos della California scelgono Las Vegas come residenza.

Prima del divertimento però un po’ di doverosa storia, giusto per tediarVi un po’.

Un po’ di storia?

Il primo atto ufficiale nella storia di Las Vegas fu il 10 maggio del 1855, quando gli Stati Uniti conquistarono una porzione del Messico in seguito ad una guerra. In quella data 30 missionari mormoni comandati da William Bringhurst furono incaricati di convertire gli indiani Paiute di quelle zone.

Venne costruito un forte vicino all’odierna downtown, che fungeva anche da stazione di posta per chi viaggiava tra Salt Lake City e la nuova colonia di San Bernardino in California. I mormoni abbandonarono Las Vegas nel 1857, durante la Guerra dello Utah.

In seguito Las Vegas venne rifondata come villaggio ferroviario nel 1905, ma divenne ufficialmente una città il 16 marzo 1911 quando adottò la sua prima carta di diritto pubblico sotto l’amministrazione di Peter Buol, primo sindaco della città.

Nel 1946 il gangster Bugsy Siegel aprì il Flamingo Hotel, primo hotel casinò di Las Vegas, che contribuì molto alla nascita della leggenda cittadina. Ancora in funzione oggi è situato di fronte al Caesars Palace.

las vegas sin city la citta' del peccato

Qui una foto della STRIP

La strip

A questo punto sarei tentato di saltare a pie’ pari la Strip, perché è un po’ scontata, ma se non siete mai stati a Las Vegas non potete non vederla.

La Strip è la quintessenza dell’esagerazione, oltre che uno dei motivi per i quali si visita (almeno la prima volta) Las Vegas Sin City. Gli alberghi sono enormi e stravaganti. Le insegne sono enormi e stravaganti.

Per gli amanti della storia ecco come si presentava la strip di Las Vegas 25 anni fa, si notano il Treasure Island, il Mirage ed il Caesar’s Palace

las vegas sin city la citta' del peccato
las vegas sin city la citta' del peccato
las vegas sin city la citta' del peccato
las vegas sin city la citta' del peccato

Cos’è la Strip?

La Las Vegas Boulevard South, meglio nota come Las Vegas Strip è la strada principale del centro di Las Vegas, in Nevada.

Qui c’è la maggior concentrazione degli hotel più grandi del mondo (come numero di stanze), anche se non tutti rientrano nei confini veri e propri di Las Vegas, ma alcuni appartengono ai sobborghi di Paradise e Winchester.

Tutto è enorme e tutto è stravagante, dal seno delle finte poliziotte in abiti succinti che vi arresteranno per la strada tentando di farVi entrare in un casino, alla galleria di negozi infinita del Caesars Palace, all’enorme chitarra che funge da insegna all’Hard Rock Café di Las Vegas.

Inoltre la sera la Strip si anima di spettacoli, solo per citarne ad esempio intorno alle 21 il Mirage offre uno spettacolo indimenticabile dell’esplosione di un vulcano, incendiando i giardini e le fontane antistanti l’hotel, mentre il Bellagio offre un affascinante spettacolo di giochi d’acqua sulle acque del (finto) lago.

Alcuni hotel

Cito solo alcuni fra gli hotel che mi hanno colpito:

  • il Bellagio: aperto nel 1998, cerca di imitare l’atmosfera delle ville del Lago di Como, con tanto di lago annesso.
  • il Caesars Palace: aperto nel 1966 è un casinò con ambientazione che si rifà all’epoca dell’Impero romano.
  • l’Excalibur Hotel and Casino: dove abbiamo soggiornato aperto nel 1990, ha l’aspetto di un castello medioevale. L’interno è decadente, i servizi sono tutti a pagamento, ma le stanze hanno i prezzi abbordabili
  • il Luxor Hotel, anche qui abbiamo soggiornato una notte al ritorno, è una piramide di vetro nero e acciaio alta 30 piani, con statue che imitano lo stile egizio del granito di Aswan e una sfinge. Anche questo è datato e le stanze sono anche qui anonime, ma ugualmente a buon prezzo.
  • il New York-New York Hotel & Casino: ha un facciata composita che integra miniature di edifici emblematici di New York e una piccola Statua della Libertà. All’interno ci sono moltissimi negozi e all’esterno alcuni pub e ristoranti.
  • il Planet Hollywood Resort and Casino: albergo sul tema di Hollywood. Ogni stanza è dedicata ad un film e ospita un cimelio, ma l’aspetto dell’ingresso è da incubo.
  • il già citato Flamingo: costruito per volere del gangster Bugsy Siegel e finanziato con il denaro delle Famiglie mafiose della East Coast. Lo stile architettonico si basa su reminiscenze dell’Art déco di Miami e di South Beach.

Attenzione: quando prenotate un Hotel a Las Vegas tramite un servizio di prenotazione online in genere nel prezzo non è compresa la tassa “sul divertimento” o tassa di soggiorno che è variabile e può arrivare fino a 40 dollari a notte per gli hotel della Strip

Scommettiamo?

In ogni hotel – casino si può giocare dalla mattina.. alla mattina, ovvero 24 ore su 24 e 7 giorni su 7. Slot Machines, roulette, blackjack, tutto è qui per tentarvi e per attentare al vostro portafogli.

La città è sicuramente legata al gioco d’azzardo e ai divertimenti, ma sempre più Las Vegas è anche una sede per congressi e fiere, che attira un turismo legato agli affari. Tutto ciò senza trascurare negozi e ristoranti che infatti sono diventati fonte di attrazione oltre che di introito non trascurabile per la città.

Qui di seguito un po’ di fotografie della famosa STRIP di Las Vegas

Clicca sulle immagini per ingrandirle.
Alcune mie foto sono in vendita su Adobe Stock - clicca qui per acquistare

Sopravvivere a Las Vegas

Aggiungo qualche esperienza diretta, mentre rimando le bellissime immagini dei murales e di momenti di divertimento ad uno specifico articolo su Downtown Las Vegas.

La prima sera a Las Vegas la cena è saltata.. era troppo tardi e siamo andati un po’ in giro e poi a dormire. Abbiamo giocato un po’ alla roulette.. Fissato un importo massimo: via.. abbiamo giocato per un paio d’ore fra alti e bassi e alla fine siamo andati a letto, riportando a casa la maggior parte dei 100.000 dollari stanziati per la serata..

Non so, ma non mi sono divertito, forse il mio difetto è che mi piace vincere? Beh, l’importante è non farsi prendere troppo.

las vegas sin city la citta' del peccato

Risveglio

Al mattino dopo, però, senza cena dalla sera, la fame si faceva sentire. Dove facciamo colazione? All’Hard Rock Cafè!

Musica dal vivo, con un cantante molto bravo, camerieri gentilissimi, vista sulla Strip, cosa ne vuoi di più? Il conto? Adeguato al luogo, non economico, ma l’esperienza vale la pena ed il cibo molto buono e di qualità.

las vegas sin city la citta' del peccato
las vegas sin city la citta' del peccato

La volta successiva siamo andati invece da Denny’s, proprio di fianco all’Hard Rock Cafè. L’atmosfera à più familiare, il conto meno salato (circa la metà) ed i camerieri sempre gentili e disponibili. Il cibo? Giudicate Voi

las vegas sin city la citta' del peccato

Ancora qualche fotografia: L’interno del New York New York con i suoi negozi e il nuovissimo  Aria .. rimando al prossimo articolo su downtown Las Vegas per altre fotografie di murales e altro..

las vegas sin city la citta' del peccato
las vegas sin city la citta' del peccato

Il nostro viaggio nel sud ovest degli USA

Ecco l’itinerario del nostro Viaggio in USA negli Stati Uniti Sud Ovest

Prima di cimentarti in questo viaggio leggi questo articolo: Partire per gli Stati Uniti: le cose importanti da sapere

Prima tappa Las Vegas Sin City, la citta’ del peccato – ma lo è ancora? (270 miglia da Los Angeles, 4 ore senza traffico, ma contatene 6 o 7 in caso di traffico, specialmente il fine settimana):

Altri articoli su Las VegasFremont Street Las VegasMatrimonio a Las Vegas: il luogo per sposarsi nel 2019? , I murales di Downtown Las Vegas

Zion National Park (160 miglia, 2,5 ore) Escursione nello Zion Canyon National Park

Bryce Canyon (88 miglia, 2 ore) – Fotografare il Bryce Canyon

Moab – Arches National Park, passando attraverso Escalante e Capitol Reef (270 miglia, 6-7  ore).. sarebbe stato meglio prevedere una sosta, ma la disponibilità di strutture non è il massimo. – Escursione negli Arches (video) Visita al parco nazionale degli Arches  (fotografie)

Monument Valley (155 miglia, 2,5 ore) – Monument Valley, la riserva NavajoDine’Navajo Code Talkers, una storia americana

Antelope Canyon (125 miglia, 2 ore) Scegliere fra Lower Antelope Canyon e Upper Antelope Canyon

Horseshoe Bend (10 miglia, 15 minuti Un Salto a Horseshoe Bend

Grand Canyon (135 miglia, 3 ore) Escursione nel Grand Canyon

Seligman sulla Route 66 (102 miglia, 2 ore) meglio fermarsi ad Oatman – in arrivo

Las Vegas (si, di nuovo.. 177 miglia, 3 ore)

Death Valley (141 miglia, 3 ore) – La Valle della Morte

Los Angeles (270 miglia, 5 ore)

Las Vegas (si, di nuovo..  no, dai, scherzo!!) :-)

Parti per gli Stati Uniti

Per saperne di più

Per saperne di più sui miei viaggi in America date un’occhiata a questa pagina dove sono raccolti alcuni articoli su Stati Uniti ed Alaska.  Se non vi basta potete dare uno sguardo agli ultimi articoli pubblicati oppure cercare nel blog scegliendo dai tag o dalle categorie a vostro piacimento.

Prima di partire per gli USA però consulta questo articolo dove sono elencate le cose importanti da sapere e magari trova ispirazione con i viaggi che consiglio.

Una volta arrivato negli Stati Uniti  leggi alcuni utili consigli sul cibo negli Stati Uniti: dove, cosa ordinare, quanto costa.

E mi raccomando, dai un’occhiata alla check-list delle cose da portare in viaggio. Puoi anche stamparla e compilarla offline!

Ti è piaciuto seguimi su Facebook o Instagram, ma se vuoi farmi felice lascia un commento a fondo paginanon è obbligatorio indicare il cognome – e l’email non sarà usati a scopi pubblicitari.

Grazie e a presto!

Seguimi su Facebook e Instagram –>