5.8 C
Tollegno
venerdì, Gennaio 28, 2022
spot_img

Fort Bluff, Hole in the Rock e i pionieri americani

Stati UnitiFort Bluff, Hole in the Rock e i pionieri americani

Fort Bluff e Hole in the Rock: un pezzo di storia della frontiera americana

Come sono incappato nella storia di Fort Bluff e di Hole in the Rock? Per caso e per curiosità, sterzando il volante dell’auto (a dire la verità un po’ anche in cerca di una sosta “tecnica”).

Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Alcuni link in questo articolo possono essere sponsorizzati, ovvero, se comprate tramite il link a voi non costa nulla, ma mi viene riconosciuta una commissione. Inserisco i link solo se pertinenti e dopo averli verificati.

La storia di Fort Bluff e di Hole in the rock

Una storia interessante della colonizzazione del selvaggio west americano è quella dei pionieri di “Hole-in-the-Rock”, il buco nella roccia.

Questi signori erano mormoni che risposero ad un appello della Chiesa della Contea di Iron, nello Utah, la quale cercava volontari per colonizzare quella che ora è la contea di San Juan. La strada non era tracciata ed era necessario trovare un guado comodo per attraversare il fiume Colorado che si frapponeva fra loro e la terra da colonizzare. In assenza di un guado l’alternativa era quella di risalire completamente il fiume Colorado, senza una vera strada, il che avrebbe significato  mesi di viaggio. L’unico guado accessibile era in fondo ad una gola e per raggiungerlo i coloni dovevano trovare un passaggio fra le ripide pareti rocciose.

Un’avventura vera

Già con questo itinerario lo spostamento era proibitivo per quei tempi. Si trattava di percorrere circa duecentocinquanta miglia da Parowan nello Utah sud-occidentale a Bluff nello Utah sud-orientale, il tutto senza una vera strada e in una terra in gran parte arida e rocciosa. Dovevano costruire Fort Bluff!

Lungo il loro percorso i coloni incontrarono ogni sorta di difficoltà, ma una fu una vera impresa. Per accedere al guado del fiume Colorado i coloni dovettero allargare una fenditura naturale della parete, scavando ed intagliando la roccia per scendere fino al fiume.

Costruirono quindi una pista che scendeva per 400 metri nella roccia, con pendenze fino a 45 gradi, adattata a forza di braccia e di esplosivo il famoso Hole in the Rock. La pista era talmente ripida che costringeva a calare i carri con la corda anziché trainarli. Occorse più tempo per percorrere questi pochi metri che per tutto il resto del viaggio, già non facile e privo di insidie.

La storia di Fort Bluff e di Hole in the Rock

Calare i carri con le corde

Furono creati punti di ancoraggio direttamente nell’arenaria per trattenere i carri con le corde, allargati passaggi e spianate le asperità, ma alla fine, nonostante la pericolosità delle operazioni (soprattutto quella di calare i carri pesantissimi) non ci furono vittime. Dopo aver attraversato il lato est del Colorado, le difficoltà continuarono, ma nel 1880, dopo sei mesi, questi pionieri iniziarono una nuova vita insediandosi vicino al fiume San Juan in un ambiente aspro e ostile.

Fort Bluff

L’insediamento fu chiamato Bluff.

I coloni si organizzarono in un forte fatto di casette in legno rivolte verso l’interno, Fort Bluff. La maggior parte dell’insediamento originale è scomparsa, ma la Fondazione Hole-in-the-Rock (HIRF) ha ricostruito Forte Bluff così come era in origine.

E’ possibile vistare il forte gratuitamente. All’interno oltre ad un video sull’avventura dei pionieri (anche in italiano) è possibile ascoltare le storie di ciascuno degli abitanti originari (anche queste in italiano), visitare le case oltre a vestirsi come pionieri e posare per splendide fotografie in costume.

E’ tutto gratuito, ma una donazione ritengo che sia un buon investimento vista la gentilezza di tutto lo staff, che è interamente di volontari.

(Fonte: Miller, David E., Hole in the Rock, liberamente tratta dal sito Web di Hole in the Rock Foundation: http://www.hirf.org)

Iscriviti agli aggiornamenti

Notizie sugli articoli una volta al mese, qualche occasionale invio di notizie speciali e - prometto - niente spam.

Ovviamente il tuo indirizzo non sarà ceduto ad altri per iniziative di marketing.
La mailing list è gestita da MailerLite, il link per cancellarsi è presente in ogni invio

Per saperne di più sugli Stati Uniti

Prima di tutto il bagaglio: dai un’occhiata a cosa mettere in valigia: la lista da stampare per il viaggio perfetto. Puoi anche stamparla e compilarla offline! Puoi anche provare la nuova lista di viaggio interattiva, veloce e personalizzabile con il tuo stile.

Prima di partire puoi rinfrescarti le idee su cosa fare prima di partire per gli USA o, se non ci sei mai stato, farti un’idea su cosa mangiare per sopravvivere alla cucina degli States.

Se vuoi esplorare in modo più mirato puoi trovare un elenco degli articoli su Stati Uniti, Canada ed Alaska oppure scegliere dagli argomenti presenti a fondo pagina.

Se la destinazione è New York puoi scoprire come muoverti in città con la metropolitana di New York oppure a piedi, in taxi o autobus. Ma se le preferenze sono per  l’assolata California vedi cosa fare e quando andare a San Francisco e Los Angeles e magari fare una capatina a Las Vegas, la capitale dei matrimoni (sposarsi qui è facile, anche per finta!).

Non ti piacciono le città? Leggi cosa puoi fare nei Parchi dell’Ovest, ad esempio nel Parco Nazionale Zion o nella Monument Valley  Scopri i luoghi migliori per un selfie ad Horseshoe Bend oppure per fotografare il Bryce Canyon.

Un’altra meta imperdibile per una vacanza nella natura è il favoloso Parco di Yellowstone, con la sua natura, i bisonti, gli orsi ed i lupi. Vi propongo un paio di itinerari: da Seattle a Yellowstone attraverso gli stati di Washington e del Montana, oppure un itinerario che comprende Yellowstone, il Colorado ed il Wyoming con partenza e arrivo a Denver.

Se hai voglia di sperimentare un’avventura puoi provare ad affrontare un viaggio in Alaska in auto, imbarcarti in una crociera nell’Inside Passage dell’Alaska o addirittura salire su un idrovolante e raggiungere Khutzeymateen il Santuario degli Orsi in Canada, un’avventura eccezionale in una natura selvaggia.

Ciao, a presto!

Maxhttps://www.massimobasso.com
Massimo Basso le mie passioni sono stare all'aria aperta, viaggiare, scoprire luoghi nuovi, conoscere persone ed abitudini, osservare la Natura e, quando posso, fare qualche bella fotografia. Le foto (se riportano la mia firma) sono mie e non sono riproducibili senza consenso.

Da Leggere