Nandi, il toro di Shiva

Nandi il toro Vahana di Shiva

Nandi è il toro di Shiva, un toro bianco, simbolo di purezza, e le sue quattro zampe rappresentano la Verità, la Rettitudine, la Pace e l’Amore.

Ogni divinità induista ha un veicolo Vahana o animale: Ganesha ha il topoDurga il leoneVishnu l’aquila Garuda e Shiva ha il toro Nandi. ll Vahana in teoria è un semplice mezzo di trasporto della divinità, ma molte divinità hanno elevato il loro Vahana a protettore e compagno.

Nandi è il costante e immancabile compagno di Shiva in tutti i suoi spostamenti ed in ogni tempio dedicato a Shiva, di fronte al santuario principale, non può mancare una rappresentazione di Nandi. Nel corso dei secoli Nandi ha acquisito un’importanza sempre maggiore, fino a diventare una divinità a se’ stante, infatti sono presenti in India vari templi dedicati esclusivamente a lui.

Tempio di Meghesvar dedicato a Shiva, davanti all'ingresso il toro Nandi - Orissa
Tempio di Meghesvar dedicato a Shiva, davanti all’ingresso il toro Nandi – Orissa

La leggenda di Nandi il giudice

La mitologia racconta che Shiva e la sua consorte Parvati stessero giocando a dadi e che nessuno volesse perdere. Siccome ogni gioco prevede un vincitore, venne chiamato Nandi a far da giudice per proclamarne uno. Nandi, noto per la sua devozione, scelse allora come vincitore Shiva nonostante fosse in svantaggio.

Parvati si arrabbiò è lanciò una maledizione, condannando il toro a morire per una malattia incurabile. Nandi allora chiese perdono a Parvati e ne implorò la grazia, giustificandosi col fatto che l’aveva fatto per non dimostrarsi ingrato agli occhi del suo padrone, ma che la punizione era troppo severa. 

Parvati lo perdonò, a patto Nandi, nel giorno del compleanno di Ganesha, offrisse al dio il suo cibo preferito, l’erba verde, che era anche il cibo preferito di Nandi.

Nandi rese onore Ganesha offrendogli l’erba verde e fu così risparmiato dalla malattia incurabile. 

banner heymondo ADS

Simbologia di Nandi

La scelta del toro come veicolo di Shiva ha come origine una doppia simbologia.

La parola sanscrita che indica il toro (vrisha) può assumere a volte il significato di rettitudine o Dharma, per questo il toro accanto a Shiva indica che affidarsi alla divinità è all’origine dei buoni comportamenti.

Il toro inoltre impersona la forza, ma anche l’ignoranza. Shiva utilizza il toro come veicolo a significare che coloro che si affideranno a lui potranno liberarsi dall’ignoranza, ma anche avere la forza della saggezza. 

Fonti e crediti

Immagine di copertina Prasad Ganapule

Nandi: https://it.wikipedia.org/wiki/Nandi

About India: http://www.aboutindia.it/cosa-vedere-nandi-toro-shiva-miti-luoghi

Per saperne di più sull’India

India, destinazione senza compromessi. Un salto indietro nel tempo in una terra di grande misticità, capace di grandi fasti e di grandi miserie, ma sempre con una propria dignità e con un portamento elegante. Ad ogni passo c’è qualcosa da scoprire, in questa terra capace di grande ospitalità e dove, da viaggiatori, ci si sente sempre i benvenuti.

Prima di tutto il bagaglio: leggete l’articolo cosa mettere in valigia: la lista da stampare per il viaggio perfetto. Non dimenticare di infilare nel bagaglio anche un buon libro: provate a dare un’occhiata ai miei libri preferiti nell’articolo 10 libri (e oltre) per la tua vacanza in India, senza parlare di Yoga

banner india chiedi a me
immagine su design di macrovector

Cultura

Se vi interessa la cultura informatevi sui luoghi sacri dell’induismo e sulle regole di comportamento. Altri argomenti interessanti per avvicinarsi a questa fantastica destinazione sono descritti negli articoli chi sono i Sadhu indiani e cosa fannole caste in India e gli Intoccabili Dalitil Festival di Holi e la Festa dei Colori.

Antiche Religioni

Per approfondire la conoscenza sul variegato pantheon indiano leggete la sacra Trimurti e cenni su BrahmaShiva il DistruttoreVishnu ed i suoi Avatara, Ganesha dalla testa di elefante o Surya, il Dio del Sole indiano. Senza dimenticare che il buddhismo è nato in India, un occasione per visitare i luoghi del Buddha a Sarnath.

Tradizioni Tribali

Se, come me amate le tradizioni fate un salto nel passato dell’India Tribale, e scoprite le tribù dell’Orissa, i Kutia Kondh, i Dongria Kondh ed i Bonda, li ho incontrati nei mercati tradizionali e mi hanno affascinato.

Arrivederci presto!

Dal Blog

PARTI ADESSO

Max
Maxhttps://www.massimobasso.com
Appassionato di fotografie, di storia e di culture orientali, viaggia per soddisfare la sua innata curiosità.Ama il caldo e stare all'aria aperta, scoprire luoghi nuovi, conoscere persone ed abitudini, osservare la Natura. Ha una sfida con se' stesso: assaggiare i cibi più strani in circolazione.

Ti possono interessare?