GaltaJi il tempio delle scimmie

GaltaJi il tempio delle scimmie, se siete a Jaipur non potete non andarci.

I motivi che rendono questa una visita imperdibile sono diversi, quello più evidente è che ci sono un sacco di scimmie, macachi per l’esattezza. La vera sorpresa invece è quella di uscire da un luogo molto bello, ma anche molto turistico come Jaipur e di entrare in un’India vera.

Questo complesso di templi sacri si trovano nella città di Chania-Balaji, sulle colline Aravalli che circondano Jaipur, a pochi minuti d’auto dalla città.

Informazioni su Galtaji

GaltaJi il tempio delle scimmie è un complesso di templi costruito nel quindicesimo secolo da Diwan Rao Kriparam, un cortigiano di Sawai Jai Singh II.

I templi sono dedicati a varie divinità fra le quali Krishna, Rama e Hanuman e sono una meta popolare per i pellegrini. In cima alla collina c’è anche un piccolo tempio dedicato al Dio Sole Surya, dal quale è possibile godere di splendidi tramonti sulla città.

In questo posto vivono tantissimi macachi che sono considerati sacri e coccolati dai visitatori del tempio. Se ne vedono un sacco ai bordi della strada in attesa di elemosinare un po’ di cibo. Alcune scimmiette più furbe però sono attente a cogliere qualsiasi distrazione per impaurire i pellegrini e rubare loro le noccioline, che vengono vendute all’ingresso del tempio.

Proprio come nella foto qui sotto:

Donne importunate dalle scimmie all'interno del Tempio

Donne importunate dalle scimmie all’interno del Tempio

Banner partire per L'India

Vuoi vedere un altro articolo su Jaipur leggi: La Città Rosa del Rajasthan: Jaipur con le sue meraviglie

Le sacre abluzioni a Galtaji

All’interno del compleso dei templi Galtaji ci sono sette piscine sacre, chiamate Kunds che dove i pellegrini sono soliti compiere abluzioni rituali o veri e propri bagni per purificarsi dai peccati letteralmente lavandoli via. I kunds vengono alimentati da una sorgente naturale che sgorga dalla cima della collina e che per caduta riempie le sette vasche.

Il più importante dei Kund è il Galta Kund, che sembra sgorgare proprio dalla montagna. La sacralità di questa piscina è alimentata dal fatto che da quando esiste il tempio la piscina non si è mai prosciugata neppure durante i periodi di grande siccità.

GaltaJi il tempio delle scimmie, accesso da Jaipur.

Nonostante l’ingresso ufficiale del Tempio si trovi a circa 10km da Jaipur, esiste un accesso pedonale dalla porta di Galta alla fine della strada Surajpol Bazar, la strada principale che attraversa il centro storico di Jaipur.

Il percorso parte dal Bazar e si snoda verso est attraversando un grande arco in pietra ovviamente rosa. Da qui si godono i migliori panorami sulla città di Jaipur ed è anche  l’accesso diretto al Tempio del Sole ed ai suoi famosi tramonti.

Vi pareva che noi saremmo passati dalla parte ufficiale? Infatti con una piccola passeggiata di circa 35-40 minuti (comprensiva di soste per fotografare le scimmie) siamo passati “dal retro”.

La gita ci ha riservato incontri interessanti con le persone del luogo intente nelle loro attività quotidiane che ci hanno sempre regalato almeno un sorriso di benvenuto. Abbiamo avuto così l’occasione di camminare in completa tranquillità, con un approccio molto rilassato ed avendo anche la possibilità di vedere le scimmie intente al riposo ed alle coccole, prima di entrare nel tempio vero e proprio.

Clic per ingrandire - Alcune foto sono in vendita su Adobe Stock

L’accesso principale aGaltaji: il Galwar Bagh Gate

Il Galwar Bagh Gate è l’ingresso principale del Tempio GaltaJi. La struttura si trova a circa dieci chilometri dalla città ed è facilmente raggiungibile con un tuktuk ed una minima spesa. Accanto alla struttura ci sono anche gli uffici del tempio ed un Ashram.

Io ho preferito l’altro ingresso, ma a me piace camminare..

Orari e consigli

Il tempio è aperto tutti i giorni dalle 5 di mattina alle 21, ad accesso libero anche per chi non è di fede Hindu. All’ingresso alcuni truffatori chideono di pagare un biglietto, ma non fanno parte del personale del tempio, basta rifiutare e passare oltre.

Siccome è un luogo sacro, è richiesto di togliersi le scarpe prima di entrare nei templi, non ovviamente sul viale principale. Oltre a questo è buona norma tenere un abbigliamento consono al luogo, senza parti del corpo troppo scoperte, ma questa è una regola generale di rispetto.

Se ti interessa avere informazioni sulle regole di comportamento nei luoghi sacri leggi il mio articolo.

Parti per gli Stati Uniti

Galta Ji, il Tempio delle scimmie, un luogo vivo e vissuto

Il luogo è sacro e, come dicevo all’inizio, è la porta d’ingresso di un’India vera. Traspare la sacralità del luogo, la devozione dei fedeli ed un’atmosfera mistica ci pervade.

Il luogo non è spesso menzionato negli itinerari di viaggio, e con questo l’originalità ne guadagna molto, rimanendo tuttora vero luogo di meditazione.

Il percorso del tempio si snoda in circa due chilometri sino all’interno di una gola, il che contribuisce al suo aspetto mistico. Sul fondo della gola una parte del tempio è costruito sulla roccia da cui, attraverso la bocca di una statua a forma di mucca, il Gaumukh, sgorga l’acqua naturale che alimenta le vasche.

Ogni anno a metà gennaio, la sacra ricorrenza del ‘Makar Sankranti’ attira in questo sito molti pellegrini.

Clic per ingrandire - Alcune foto sono in vendita su Adobe Stock

Per saperne di più

Per avere un’idea di come visitare questi luoghi rispettandoli leggi Luoghi Sacri dell’Induismo e regole di comportamento, sarai preparato anche ad un incontro con un Sadhu, un Santone indiano Se ti interessa conoscere alcuni aspetti religiosi dell’Induismo leggi anche: La sacra Trimurti, introduzione e cenni su BrahmaVishnu ed i suoi avatara, Shiva il distrutttore e Foto e significato del Festival di Holi.

Ma L’India è anche il luogo dove è possibile trovare templi dedicati a Surya il Dio del Sole e dove nel Vi secolo a.C. è nato il Buddismo. Proprio del Buddismo in India parlo nell’articolo Incontro con Siddharta Gautama, il Buddha a Sarnath.

In questa pagina sono raccolti altri articoli sull’India, fra i quali un articolo sulle caste in India. Se invece cerchi altro puoi cercare dal modulo qui sotto, dare uno sguardo agli ultimi articoli pubblicati o scegliere fra gli argomenti presenti a fondo pagina e divisi fra etichette (più specifiche) e categorie (più generiche).

Prima di partire scarica e stampa la lista delle cose da mettere in valigia per non dimenticare nulla.

Ecco alcuni articoli sull’Orissa:

Kutia Kondh: spiriti-tigre e donne tatuate – La tribù Bonda delle colline dell’Orissa, – Orissa: incontro con la tribù Dongria Kondh, il tempio del Sole di Konark

Altri articoli sull’India del Nord:

Galta Ji il tempio delle scimmie a Jaipur – I templi di Khajuraho e le sculture erotiche – La Città Rosa del Rajasthan: Jaipur con le sue meraviglie, Junagadh, il Principato del Kathiawar

E ancora qualche articolo del mio viaggio in Gujarat:

I templi di Girnar Hill: salire 10.000 scalini – Il deserto del Kutch e le saline del Gujarat, Gandhi, il 30 gennaio ricorre l’anniversario della morte, ma ce ne sono altri.

Grazie e alla prossima!

Seguimi sul tuo Social preferito

VOTA !