Orissa – Odisha incontro con la tribù Dongria Kondh

Incontro con la tribù Dongria Kondh

La tribù Dongria Kondh, (altro nome Dongaria Kondha) vive nelle colline di Niyamgiri, nello stato indiano di Orissa – Odisha. Questa tribù di circa 8000 persone costituisce una delle popolazioni più isolate dell’India. Le donne sono riconoscibili per i tre anelli al naso ed i numerosi orecchini oltre all’acconciatura con i capelli raccolti sulle spalle.

Avvertenze importanti sui contenuti di questo sito
(clicca qui prima di continuare nella lettura)

Questo è un blog di viaggi, le indicazioni presenti negli articoli sono fornite gratuitamente a scopo divulgativo e potrebbero essere non aggiornate o incomplete. Prima di acquistare, di prenotare o di partire consultate sempre i siti ufficiali. Alcuni link in questo articolo possono essere sponsorizzati, ovvero, se comprate tramite il link non pagate di più, ma mi viene riconosciuta una commissione. Gli articoli aggiornati o pubblicati a partire da febbraio 2024 riportano un asterisco* accanto ai link sponsorizzati. Inserisco i link solo se pertinenti e dopo averli verificati.
Dongria Kondh, Tribù adivasi in Orissa
Tribù Dongria Kondh: alla stazione, vicino al mercato di Chatikona, Odisha, una donna propone la propria merce ai passeggeri del treno.

La zona di Niyamgiri, patria della tribù Dongria Kondh

Niyamgiri è una zona collinare coperta di dense foreste, valli e ruscelli. Qui i componenti la Tribù Dongria Kondh coltivano le vallate, utilizzando il raccolto sia per sussistenza che come merce di scambio nei mercati locali.

Questo territorio è considerato Sacro, perché dimora del Dio della montagna, Niyam Raja, che domina  le colline dall’alto della Montagna della Legge Niyam Dongar, che svetta a 4.000 metri.

I Dongria Kondh hanno una profonda venerazione per le loro divinità, per le colline e i corsi d’acqua e questa venerazione si può riscontrare in ogni aspetto della loro vita, anche nelle loro espressioni artistiche spesso rappresentate da montagne di aspetto triangolare.

Il nome della tribù deriva da “dongar” – che significa “collina”-, e si riferiscono a loro stessi come “Jharnia”, ovvero “protettori dei torrenti”.

Alcune foto sono in vendita su Adobe Stock

Matrimoni d’amore e riti sacrificali.

I componenti della la Tribù Dongria Kondh sono conosciuti per essere aggressivi nei confronti dei visitatori, aggressività per lo più dimostrata in maniera verbale.  Fra queste popolazioni oggi sopravvivono ancora tradizioni sacrificali che riguardano gli animali, speciamente il bufalo. (leggi qui wikipedia in inglese)

Da informazioni reperite in varie pubblicazioni, pare che il matrimonio in questa popolazione sia contratto sulla base della reciproca attrazione e dell’affetto conseguente, differentemente da altre più diffuse tradizioni indiane, dove il matrimonio risultava come un interesse di famiglia, almeno fino ad un recente passato.

Le ragazze sono solite dormire in dormitori dove i ragazzi entrano e con un rito particolare rappresentato dal dono di una sciarpa, si propongono alla prescelta che può accettare o rifiutare l’offerta.

Qui di seguito Vi propongo altre immagini.

Potete reperire altre e più approfondite informazioni in rete semplicemente digitando il nome della tribù Dongria Kondh.

Alcune foto sono in vendita su Adobe Stock
Alcune foto sono in vendita su Adobe Stock

Minacce dal futuro

In passato la Tribù Dongria Kondh è stata tristemente riportata nelle cronache perché ha visto il proprio territorio seriamente  minacciato dalla multinazionale Vedanta che, in barba ai diritti umani e con la sola logica del profitto voleva insediare nel territorio della tribù una miniera di Bauxite (insediando illegalmente una raffineria per un determinato periodo di tempo).

Il 24 agosto del 2010 fortunatamente il ministero dell’Ambiente e delle Foreste ha bocciato il progetto proposto dalla Orissa Mining Corporation (di proprietà statale) e da una sussidiaria della britannica Vedanta Resources, giudicando che tale progetto già avrebbe violato in modo sostanziale le leggi che tutelano l’ambiente e la foresta e che avrebbe causato violazioni dei diritti degli adivasi dongria kondh e di altre comunità che vivono sulle colline di Niyamgiri.

I dongria kondh e le altre comunità hanno lottato anni per ottenere questa decisione, che è veramente positiva‘ – ha commentato Amnesty International. ‘Ora le compagnie coinvolte e il governo dell’Orissa devono assicurare che non cercheranno meramente un altro sito dove sviluppare il progetto, senza garantire che rispetteranno sempre i diritti dei nativi e delle comunità locali‘. (fonte Amnesty International – leggi qui)

Libri e guide per un viaggio in India

Prima di partire comprate qui una guida dell’India del Nord oppure comprate qui una guida dell’India del Sud entrambe della Lonely Planet in Italiano. Ci sono altre guide, ma non altrettanto esaustive.

E per non rimanere senza internet, date un’occhiata alla eSIM solo dati per l’India. Costa poco, rimanete connessi e conservate il vostro numero di telefono! (funziona solo con gli smartphone indicati nelle specifiche).

Leggi anche 10 libri (e oltre) per la tua vacanza in India senza parlare di Yoga

Proposte di viaggio in India

India: il Triangolo d’Oro e Varanasi. Itinerario breve ed essenziale di 9 giorni nel Triangolo d’Oro dell’India del Nord con estensione a Varanasi, la città sacra dell’India per eccellenza. Un programma di viaggio adatto a chi non ha troppo tempo a disposizione, ma desidera visitare avere un assaggio dell’India. Da Delhi, la capitale dell’India coloratissima e caotica, Jaipur, la Città Rosa del Rajasthan, passando per Agra ed il suo spettacolare Taj Mahal, per arrivare a Varanasi la città sacra per eccellenza che da sola vale l’intero viaggio.

India: Gran Tour del Nord. Itinerario suggestivo nella terra dei Maharaja, sulle tracce degli antichi splendori reali fra forti, maestosi palazzi, musica, arte e paesaggi mozzafiato. Un lungo e intenso viaggio dal Rajasthan alla Valle del Gange a contatto con l’India più vera e più suggestiva. Un viaggio che non dimenticherete (17 giorni).

India: Natura, relax e Ayurveda. Un viaggio alla scoperta del Kerala, a contatto con la natura lussureggiante. Verdi colline, villaggi di contadini, artigiani e pescatori, lagune e laghi uniti da un intrico di canali in un ambiente tropicale da sogno. Dal Parco Nazionale di Periyar alla navigazione in battello sulle Backwaters, dalle piantagioni di té alla città di Kochiantica colonia portoghese per approdare alle spiagge di Kovalam  e concedersi qualche massaggio ayurvedico in un fantastico resort.

Se vi viene in mente qualcos’altro chiedete a me!

Per saperne di più sull’India

India, destinazione senza compromessi. Un salto indietro nel tempo in una terra di grande misticità, capace di grandi fasti e di grandi miserie, ma sempre con una propria dignità e con un portamento elegante. Ad ogni passo c’è qualcosa da scoprire, in questa terra capace di grande ospitalità e dove, da viaggiatori, ci si sente sempre i benvenuti.

Prima di tutto il bagaglio: leggete l’articolo cosa mettere in valigia: la lista da stampare per il viaggio perfetto. Non dimenticare di infilare nel bagaglio anche un buon libro: provate a dare un’occhiata ai miei libri preferiti nell’articolo 10 libri (e oltre) per la tua vacanza in India, senza parlare di Yoga

banner india chiedi a me
immagine su design di macrovector

Cultura

Se vi interessa la cultura informatevi sui luoghi sacri dell’induismo e sulle regole di comportamento. Altri argomenti interessanti per avvicinarsi a questa fantastica destinazione sono descritti negli articoli chi sono i Sadhu indiani e cosa fannole caste in India e gli Intoccabili Dalitil Festival di Holi e la Festa dei Colori.

Antiche Religioni

Per approfondire la conoscenza sul variegato pantheon indiano leggete la sacra Trimurti e cenni su BrahmaShiva il DistruttoreVishnu ed i suoi Avatara, Ganesha dalla testa di elefante o Surya, il Dio del Sole indiano. Senza dimenticare che il buddhismo è nato in India, un occasione per visitare i luoghi del Buddha a Sarnath.

Tradizioni Tribali

Se, come me amate le tradizioni fate un salto nel passato dell’India Tribale, e scoprite le tribù dell’Orissa, i Kutia Kondh, i Dongria Kondh ed i Bonda, li ho incontrati nei mercati tradizionali e mi hanno affascinato.

Arrivederci presto!

Dal Blog

PARTI ADESSO

Max
Maxhttps://www.massimobasso.com
Massimo Basso le mie passioni sono stare all'aria aperta, viaggiare, scoprire luoghi nuovi, conoscere persone ed abitudini, osservare la Natura e, quando posso, fare qualche bella fotografia. Le foto (se riportano la mia firma) sono mie e non sono riproducibili senza consenso.

Ti possono interessare?