Visitare Orchha

Orchha è la cittadina perfetta per un soggiorno al di fuori delle rotte troppo turistiche. Un’occasione singolare di godere di quella rilassante e di lussuosa decadenza che solo il calore di alcune parti dell’India sanno offrire.

Immaginiamoci lo stesso scenario imbiancato dalla neve in un freddo autunno nordico.. proprio non me lo vedo. Ovviamente il clima contribuisce in modo sostanziale a rendere lo scenario godibile.

tramonto sul panorama di Orchha

Un po’ di storia

Sadhu ad Orchha

La cittadina di Orchha fu fondata sulle rive del fiume Betwa nel XVI secolo dal re Rudra Pratap della dinastia Rajput Bundela per farne la propria capitale.

I Rajput erano clan migrati in India dall’Asia Centrale tra il quinto ed il sesto secolo.  Divenuti in seguito regnanti e guerrieri abbracciarono la tradizione e la fede induista. A partire dal dodicesimo secolo, furono ridimensionati e confinati in zone ristrette a seguito delle ripetute invasioni di popolazioni mussulmane. Essi non riuscirono mai a creare un vero e proprio stato comune, ma fondarono piccoli principati indipendenti nel Rajasthan, ai piedi delle montagne himalayane ed in India centrale.

Anche in seguito alle invasione delle armate Moghul Orchha non fu mai oggetto di grandi devastazioni grazie all’alleanza che i regnanti riuscirono a suggellare con gli invasori. Per questo motivo ad Orchha si trovano molti edifici intatti con uno stile che risulta una fusione tra la tradizione Rajput e quella Moghul.

La fondazione di Orchha

Sulla data esatta della fondazione di Orchha ho letto di tutto, c’è chi scrive nel 1501, chi nel 1531 e ancora qualcuno scrive nel 1571. Addirittura due voci diverse di Wikipedia danno due versioni differenti. Anche se la data più accreditata è il 1501, l’unica cosa certa è che oggi Orchha è una tranquilla e cittadina del Madhya Pradesh dove la fortezza ed mausolei testimoniano un passato splendente e fanno da sfondo ad albe sonnacchiose e tramonti accesi.

La fortezza di Orchha

All’interno suo interno si trovano vari palazzi, ognuno per alloggiare una personalità diversa

orchha - ingresso dello Jahangir Mahal

Orchha – ingresso dello Jahangir Mahal con le sculture degli elefanti sulle porte (foto del mio amico Jayasen)

Jahangir Mahal

Lo Jahangir Mahal fu costruito come offerta di benvenuto la visita dell’imperatore Moghul Jahangir e per suggellare l’alleanza fra lo stesso e il regnante Vir Singh Deo. A quanto pare il dono fu gradito e questo probabilmente contribuì a decretare la sopravvivenza della dinastia regnante di tradizione induista oltre che della stessa Orchha. Si tratta di un imponente edificio a tre piani costruito in stile indo-islamico con cupole, balconi ed un ingresso ampio custodito da due torri con elefanti scolpiti.

Rai Parveen Mahal

Il Rai Parveen Mahal fu invece un dono d’amore. Esso fu infatti costruito per la poetessa e musicista, Rai Parveen che era l’amante del Raja Indramani.

Raja Mahal

Il Raja Mahal è stato la residenza reale degli ex regnanti di Orchha, ed ospita due cortili interni, dei quali uno con i classici pilastri degli ambienti per le cerimonie religiose. La parte più interessante del palazzo è Diwan-i-Khaas, la sala delle udienze, che è famosa per le sue pareti decorate da immagini sacre e mitologiche.

Clicca sulle immagini per ingrandirle.
Alcune mie foto sono in vendita su Adobe Stock - clicca qui per acquistare

Potete vedere un altro esempio di Diwan-i-Khaas nell’articolo su Jaipur

Rani Mahal

Il Rani Mahal o Camera della Regina era la residenza della moglie del raja Madhukar Shah, anch’essa una perla da visitare

Ram Raja Temple

Al di fuori della cinta di mura si può visitare il Ram Raja Temple dedicato al Signore Rama, ed è l’unico tempio dove Il Signore Rama viene venerato sia come Re che come divinità. La particolarità di questo tempio è quella della rappresentazione del signore Rama, con una Spada nella mano destra e lo scudo nella sinistra, inusuale per la simbologia Hindu.

Chaturbhuj Temple

A sud del tempio Ram Raja, su una piccola isola si trova il Chaturbhuj Temple, noto per essere il tempio con la cupola (vimana) più alta dell’India. Il tempio è dedicato a Visnhu, del quale Rama è uno degli Avatara. Il nome Chaturbhuj deriva da “chatur” che significa quattro e “bhuj” che significa braccia, il che descrive la struttura a quattro torri e che sta ad indicare “uno che ha quattro braccia”, chiaramente riferito a Rama.

Una leggenda lega i due templi Ram Raja e Chaturbhuj:

Il tempio fu originariamente costruito per custodire un’immagine di Rama, che in seguito fu invece destinata al tempio di Ram Raja, attualmente questa costruzione custodisce un’immagine di Radha Krishna.

Chaturbhuj fu costruito per volontà della regina moglie di Madhukar Shah, alla quale il Signore Rama era apparso in sogno chiedendole di costruirgli un tempio.

Dopo aver deciso di costruire il tempio ad Orchha ed aver ottenuto l’avallo del marito, la regina si recò ad Ayodhya per ordinare un’immagine sacra del Signore Rama. Tornata con l’immagine sacra si pose la questione su dove custodire l’immagine finché il tempio non fosse finito. Ignara del fatto che l’immagine non potesse essere conservata al di fuori di un Tempio per via di un precetto, trasferì l’immagine nel suo palazzo, il Rani Mahal. Una volta completata la costruzione del tempio l’idolo era pronto per essere spostato al Tempio Chatrubhuj, ma l’immagine del Signore Rama si rifiutò di trasferirsi. Per compiacere la divinità l’idolo di Rama rimase nel palazzo mentre il tempio di Chaturbhuj rimase senza un idolo, successivamente fu installata un’immagine di Radha Krishna.

Chaturbhuj temple Orchha

Lakshiminarayan Temple

Distante circa un chilometro e raggiungibile con un sentiero pavimentato c’è il Tempio Lakshiminarayan. Con i suoi quattro bastioni ai quattro angoli appare come una costruzione a metà tra un classico tempio ed un forte.

Particolare dell’interno (questa non l’ho fatta io)

OrchhaLakshmiNarayanEnglish.jpg
By MalaiyaOwn work, CC BY-SA 4.0, Link

Chattris

Uno degli altri simboli che dominano l’orizzonte di Orchha sono i Chattris, padiglioni tipici dell’arte Indiana surmontati dalle caratteristiche cupole (https://en.wikipedia.org/wiki/Chhatri ). Delle 14 costruzioni ornate da colonne posizionate sulle rive del fiume e costruite su piattaforme sopraelevate alcune sono mausolei dei maharaja.

Dauji Ki Haveli (o Daua Ki Kothi)

E’ il nome del centro delle attività commerciali. Ad Orchha si sviluppo’ un nuovo ceto sociale agiato: i mercanti. Con le ricchezze accumulate grazie all’astuzia ed alla trama di alleanze essi costruirono palazzi che volevano imitare i palazzi reali, ostentando il nuovo status di benestanti.

Visitare i dintorni di Orchha

Oltre a tutto questo ovviamente vale la pena di esplorare i dintorni di Orchha, ricchi di opportunità fotografiche. Le immagini spaziano dagli onnipresenti Sadhu, veri o presunti tali, che ostentano pittoresche decorazioni per carpire qualche soldo ai turisti, alle scene di vita quotidiana che in questo luogo più che in altre parte dell’India appaiono originali.

Per gli amanti della natura sui torrioni dei palazzi è possibile anche ammirare gli splendidi avvoltoi, una specie sempre più rara.

Orchha - scene di vita

Come arrivare a Orchha

Orchha è un ottimo intermezzo o deviazione se si è in viaggio fra il Taj Mahal e Khajuraho.

In treno: la stazione più vicina è quella di Jhansi (20 km circa) ed è un’ottima occasione per provare l’ebbrezza di viaggiare su un treno in India

In aereo: Aeroporto di Gwalior (120 km circa, in auto calcolate 3-4 ore di ulteriore percorrenza)

Per strada: 18 km da Jhansi, 121 da Gwalior, già citata, 442 da Delhi (8 ore, conviene fare una sosta), 180 km da Khajuraho (4-5 ore)

Sadhu ad Orchha la perla nascosta del Madhya Pradesh-2

Periodo migliore per andare ad Orchha

Il periodo migliore per visitare Orchha è tra ottobre e marzo, negli altri mesi, monsoni e caldo torrido rendono la visita meno piacevole, ma sempre possibile.

Per saperne di più

Per avere un’idea di come visitare questi luoghi rispettandoli leggi Luoghi Sacri dell’Induismo e regole di comportamento, per prepararti anche ad un incontro con un Sadhu, un Santone indiano Se ti interessa conoscere alcuni aspetti religiosi dell’Induismo leggi anche: La sacra Trimurti, introduzione e cenni su BrahmaVishnu ed i suoi avatara, Shiva il distrutttore e Foto e significato del Festival di Holi. Ma L’India è anche il luogo dove è nato il Buddismo. L’ho imparato dopo la visita a Sarnath uno dei luoghi storici del Buddha, e adesso non vedo l’ora di poter visitare anche Bodhgaya.

Iscriviti agli aggiornamenti

In questa pagina sono raccolti altri articoli sull’India, fra i quali un articolo sulle caste in India. Se invece cerchi altro puoi farlo qui sotto, dare uno sguardo agli ultimi articoli pubblicati o scegliere fra gli argomenti presenti a fondo pagina e divisi fra etichette (più specifiche) e categorie (più generiche).

Prima di partire scarica e stampa la lista delle cose da mettere in valigia per non dimenticare nulla.

Ecco alcuni articoli sull’Orissa:

Kutia Kondh: spiriti-tigre e donne tatuate – La tribù Bonda delle colline dell’Orissa, – Orissa: incontro con la tribù Dongria Kondh

Altri articoli sull’India del Nord:

Galta Ji il tempio delle scimmie a Jaipur – I templi di Khajuraho e le sculture erotiche – Jaipur la citta’ rosa dell’India

E ancora qualche articolo del mio viaggio in Gujarat:

Salita ai templi di Girnar Hill a Junagadh – Il deserto del Kutch e le saline del Gujarat, Ricordo di Gandhi nell’anniversario della morte, ma ce ne sono altri.

Grazie e alla prossima!

Seguimi sul tuo Social preferito