Chand Baori il grande pozzo a gradini.

Il Chand Baori è un famoso pozzo a gradini situato nel villaggio di Abhaneri , nello stato indiano del Rajasthan, fra Agra e Jaipur

Prende il nome dal suo costruttore il re Raja Chand del regno di Gurjar e dalla parola Baori nome dato nell’India occidentale ai pozzi.

Il pozzo Chand Baori è formato da 3500 gradini divisi per scalinate che scendono per oltre 13 piani ed è scavato per circa 100 metri sotto al livello del terreno, il che lo rende il più ampio e profondo pozzo a gradini dell’India.

Storia del pozzo Chand Baori

Fu costruito intorno al VII secolo anche se alcune fonti lo datano al IX secolo. Serviva a risolvere il problema dell’approvvigionamento idrico nei periodi di siccità e fornire un mezzo abbastanza comodo per raggiungere l’acqua. Il pozzo ha 3500 stretti gradini che collegano 13 piani o livelli fino a raggiungere, alla profondità di trenta metri, l’acqua. Il livello dell’acqua era legato al periodo dell’anno, nei momenti di siccità il livello era più basso. Mentre negli altri periodi bisognava fare meno scalini.

La leggenda vuole che fosse costruito in una sola notte dagli spiriti.

Sempre in tema di pozzi a scalini, vedi quanto è pericoloso fare la manutenzione nell’articolo Viaggio a Junagadh: lavori pericolosi, ma se vai a Junagadh, non puoi non fare un pellegrinaggio ai templi di Girnar Hill.

CHAND BAORI - Massimo Basso - massimobasso.com
CHAND BAORI - Massimo Basso - massimobasso.com -_-4

Il tempio di Harshat Mata.

Adiacente al Chand Baori si trova il tempio Harshat Mata, architettonicamente interessante, costruito tra il VII e l’VIII secolo, ma distrutto dal sultano Mahmud Ghazni. L’età di questo tempio sembra confermare che tempio e pozzo a gradini siano stati costruiti nello stesso periodo. Inoltre l’acqua era necessaria per le abluzioni rituali che dovevano essere eseguite dai fedeli prima di recarsi al tempio.

Molte delle sue colonne e delle statue statue ora giacciono sparse nel cortile del tempio e nei corridoi della struttura. Il tempio era dedicato a Harshat Mata, ritenuta la dea della felicità e della gioia, che diffondeva la sua luce e luminosità (abha) intorno alla città.

Ecco perché il piccolo villaggio era chiamato Abhanagri (città della luminosità), che nel corso dei secoli è diventato Abhaneri.

CHAND BAORI - Massimo Basso - massimobasso.com
CHAND BAORI - Massimo Basso - massimobasso.com

Un piccolo aneddoto

Fotografare l’upupa nei dintorni del pozzo Chand Baori

Ho visitato tantissimi posti ed una delle mie passioni principali è il birdwatching. Vedere e fotografare un’upupa è sempre stato un mio desiderio.

Tante volte ho “rincorso” o mi sono appostato in vari luoghi per fotografarla. Il giorno della visita al pozzo ero un po’ stanco ed avevo decisio di lasciare la macchina fotografica in auto, prendendo solo la “piccola”. Ed eccola.. l’upupa: tranquilla, confidente, che non scappava al primo movimento.

E alla fine sono riuscito a fare una bella foto con lo smartphone!!  :-)

Upupa in India

Upupa

Per saperne di più

Per avere un’idea di come visitare questi luoghi rispettandoli leggi Luoghi Sacri dell’Induismo e regole di comportamento, sarai preparato anche ad un incontro con un Sadhu, un Santone indiano Se ti interessa conoscere alcuni aspetti religiosi dell’Induismo leggi anche: La sacra Trimurti, introduzione e cenni su BrahmaVishnu ed i suoi avatara, Shiva il distrutttore e Foto e significato del Festival di Holi.

Ma L’India è anche il luogo dove è possibile trovare templi dedicati a Surya il Dio del Sole e dove nel Vi secolo a.C. è nato il Buddismo. Proprio del Buddismo in India parlo nell’articolo Incontro con Siddharta Gautama, il Buddha a Sarnath.

In questa pagina sono raccolti altri articoli sull’India, fra i quali un articolo sulle caste in India. Se invece cerchi altro puoi cercare dal modulo qui sotto, dare uno sguardo agli ultimi articoli pubblicati o scegliere fra gli argomenti presenti a fondo pagina e divisi fra etichette (più specifiche) e categorie (più generiche).

Prima di partire scarica e stampa la lista delle cose da mettere in valigia per non dimenticare nulla.

Ecco alcuni articoli sull’Orissa:

Kutia Kondh: spiriti-tigre e donne tatuate – La tribù Bonda delle colline dell’Orissa, – Orissa: incontro con la tribù Dongria Kondh, il tempio del Sole di Konark

Altri articoli sull’India del Nord:

Galta Ji il tempio delle scimmie a Jaipur – I templi di Khajuraho e le sculture erotiche – La Città Rosa del Rajasthan: Jaipur con le sue meraviglie, Junagadh, il Principato del Kathiawar

E ancora qualche articolo del mio viaggio in Gujarat:

I templi di Girnar Hill: salire 10.000 scalini – Il deserto del Kutch e le saline del Gujarat, Gandhi, il 30 gennaio ricorre l’anniversario della morte, ma ce ne sono altri.

Grazie e alla prossima!

Seguimi sul tuo Social preferito

VOTA !