21.9 C
Tollegno
mercoledì, Giugno 29, 2022
apri un blog di viaggi da zero

Masala Chai, il sapore dell’India in un tè

IndiaMasala Chai, il sapore dell'India in un tè

Il Masala Chai o Tè Masala, la bevanda dell’India

Il Masala Chai o Tè Masala sta all’India come il caffè sta all’Italia. In pratica nessun Indiano che si possa chiamare tale può farne a meno. Credo che solo noi italiani possiamo capire cosa significhi, perché i modi e la frequenza del consumo del Chai sono esattamente gli stessi a cui siamo abituati. 

Fermarsi a bere un Masala Chai in un chioschetto, non è solamente soddisfare un bisogno o un desiderio: è consumare un rito, è incontrare gli amici, è concludere un affare, parlare di politica, in pratica tutto quello che noi italiani troviamo nel sorseggiare un caffé al bar.

Viaggiare non è solo osservare e fotografare. Viaggiare è ascoltare, imparare, gustare, annusare e un sacco di altre cose. Quando non sono fisicamente in viaggio, gustare specialità esotiche è uno dei miei modi di proiettarmi in posti lontani.

Tempo di lettura stimato: 9 minuti

Questo è un blog di viaggi, le indicazioni presenti negli articoli sono fornite gratuitamente a titolo indicativo e potrebbero essere non aggiornate o incomplete. Prima di acquistare, di prenotare o di partire consultate sempre i siti ufficiali. Alcuni link in questo articolo possono essere sponsorizzati, ovvero, se comprate tramite il link non pagate di più, ma mi viene riconosciuta una commissione. Inserisco i link solo se pertinenti e dopo averli verificati.
Uomo alla bancarella del Te Masala Chai Chitrakoot
Uomo alla bancarella del Te Masala Chai a Chitrakoot

Cos’è il Masala Chai o Tè Masala

Il Chai o Masala Chai è il tè indiano aromatizzato, preparato con tè nero, latte, zenzero ed una miscela di spezie ed erbe indiane che varia nelle diverse parti del paese.

Chai è la parola che significa tè in molte lingue e deriva probabilmente dalla parola cinese 茶 chá.

Ti piace l'india? leggi anche Ganesha il Dio dalla Testa di elefante

Come nasce il Chai

Ci sono tante storie che pretendono di raccontare l’origine della bevanda che conosciamo oggi.

Si dice che già nell’India antica esistesse una bevanda con questo nome, ma che in realtà non contenesse foglie di tè, come ai tempi nostri, ma fosse più un’infusione di erbe curative, creata sui princìpi dell’Ayurveda, oggi detta anche kadha. 

Origine del chai

Alcune storie narrano che a scoprire il Chai sia stato un monaco buddista che, durante i suoi pellegrinaggi, avesse scoperto che in alcune parti della Cina c’era l’usanza di masticare le foglie di tè.

Alcuni sono inclini a credere, invece, che il tè sia stato scoperto per errore 5.000 anni orsono da un imperatore cinese. 

Un giorno un cortigiano rovesciò inavvertitamente alcune foglie di tè in una pentola di acqua calda destinata all'Imperatore.  Sentendone il profumo, l’Imperatore assaggio la bevanda e se ne innamorò, facendola diventare parte della cultura cinese.
Uomo che offre il Masala Chai Te Masala in India
Uomo che offre il Masala Chai Te Masala in India

Il Masala Chai in India

Tornando all’India, la storia più accreditata sostiene che, a creare il Chai, fu Harshavardhana, un imperatore che regnò nella prima metà del VII secolo. Si dice che il Re sviluppò la bevanda per mantenersi vigile e attento durante gli impegni di corte. 

Anche l’imperatore Ashoka aveva fatto del Chai una bevanda da offrire in occasione degli incontri di corte, un’abitudine che alla fine si diffuse tra la gente comune.

Quella che è quasi una certezza, è che in origine, per preparare queste bevande speziate, non si usassero le foglie di tè. Gli studiosi ritengono infatti che il tè sia stato introdotto solo in un’epoca successiva.

Dove si beve il Masala Chai

Il Masala Chai in India si beve ovunque. Dove vedete una bancarella al bordo strada o un chiosco da cui sale lentamente il fumo, quasi certamente trovate il Chai. In alcuni casi i proprietari dei chioschetti sono un po’ sottotono, in altri si producono in performances esagerate, per animare i momenti che occorrono per preparare la bevanda. Intanto le persone intorno si intrattengono in amabili pettegolezzi o incontri di lavoro. Una sorta di bar, di solito all’aria aperta.

Come viene servito il Chai

Ogni bancarella ha il suo modo di servire il Chai e le usanze variano da regione a regione, ma anche da luogo a luogo a distanza di pochi chilometri. 

In Gujarat il Chai viene spesso servito in un piattino di ceramica o di vetro, ma a volte il piattino può essere anche di metallo, magari segnato di nero dal tempo. In Orissa spesso mi è capitato che venisse servito in bicchierini di plastica, il che toglie molta della poesia a questo rito.

Leggi anche fotografie del mio viaggio in Gujarat India

A Calcutta ed in altre parti del paese si usa una ciotolina o un piattino di terracotta, che una volta usato viene buttato. Personalmente me ne sono tenuti un po’ e li uso come soprammobili, all’occasione anche come portaincensi, un bel ricordo dei miei viaggi.

Ciotole di terracotta per il te Masala Chai a Calcutta
Ciotole di terracotta per il te Masala Chai a Calcutta

Posso bere il Tè Masala?

Ragazzo che versa il Masala Chai Te Masala in India
Ragazzo che versa il Masala Chai Te Masala in India

La risposta in genere è sì. Nella maggior parte dei casi il Tè Masala è un alimento sicuro, perché bollito e ribollito. Occorre, però, fare dei distinguo. Nelle bancarelle più isolate o nelle ore di minore affluenza, il Chai potrebbe non essere pronto e preparato sul momento. Poiché la ricetta contiene acqua (e l’acqua in India non è sicura), curate sempre che il tutto sia bollito per qualche minuto.

Il fatto poi che per filtrarlo si usino in genere stracci dalla dubbia sterilizzazione, quello non deve essere oggetto di troppa preoccupazione, gli anticorpi faranno festa, ma non vi capiterà nulla.. (forse.. )

Quanto costa il Chai

Il Chai in India ha costi popolari, anche se il prezzo, in termini percentuali, varia molto da regione a regione. In genere nel nord dell’India il prezzo per una tazzina non scende mai sotto le 10 rupie (12 centesimi di euro), ma può arrivare anche a 15 nei luoghi più turistici. 

A est, da Calcutta in giù spesso costa meno, anche 5 rupie.. in ogni caso un prezzo che non può destare preoccupazione.

Te masala chai offerto in occasione di una visita a Bet Dwarka
Te masala chai offerto in occasione di una visita a Bet Dwarka

Diffusione del Chai nel mondo

A partire dall’India, il Chai si è diffuso in tutto il mondo ed è diventata una bevanda offerta ovunque. Ovviamente le versioni dei vari paesi si adattano ai gusti del luogo e possono differire molto dall’originale, fino ad essere relegate nelle bustine da tè per l’infusione, misture istantanee e concentrati, praticamente un delitto.

Il delitto perfetto però solo Starbucks è in grado di porlo in atto! il Chai Tea Latte che si beve nei loro negozi negli Stati Uniti penso che sia quanto di più somigliante al Nettare degli Dei – IMHO

Gli ingredienti del Chai

Oltre al tè nero (che in alcune regioni dell’India può essere sostituito dal tè verde), nella ricetta del Masala Chai non possono mancare, ovviamente, il latte e lo zenzero. A seconda dei luoghi si possono aggiungere semi di cardamomo, talvolta anice, cannella, semi di finocchio, pepe e chiodi di garofano. Lo zucchero in alcune parti dell’India viene aggiunto “di default”, in altre solo su richiesta.

Benefici del Masala Chai o Tè Masala

Il Masala Chai, oltre ad essere buono, apporta anche molti benefici, forse per il fatto di essere stato inizialmente concepito come una bevanda ayurvedica.

Questi effetti benefici possono essere riassunti in poche righe

  • Favorisce il risveglio grazie alla caffeina, ma ne contiene circa un terzo rispetto al caffé.. ne potete bere di più.
  • Aiuta a digerire grazie allo zenzero che aiuta la digestione e così pure il pepe nero
  • Allevia i dolori e le infiammazioni grazie a zenzero e chiodi di garofano
  • Fortifica il sistema immunitario soprattutto se usate il cardamomo che contiene elevate quantità di vitamina C
  • Può migliorare la salute del cuore  se usate la cannella, in grado di abbassare i livelli di colesterolo cattivo
  • Riduce la nausea grazie allo zenzero, perciò non lesinate con le dosi

Uno dei maggiori benefici del Masala Chai è che fa bene allo spirito, perché è buono

Preparare il Chai a casa, la mia ricetta del Masala Chai

Ingredienti

  • Tè, rigorosamente nero? Se non ne avete in casa usate un tè non aromatizzato (se non l’avete provate questo)
  • Acqua 0,3 L
  • Latte, meglio se intero 0,1 L
  • Zenzero fresco, che avrete grattato su una grattugia di vetro o ceramica
  • Cardamomo verde
  • Un chiodo di garofano (da lasciare in infusione non più di un minuto)
  • Cannella a piacimento
  • Zucchero di canna, per i più attenti alla linea, un dolcificante

Preparazione

  • Pestate le spezie in un mortaio e aggiungete lo zenzero, meglio se è già grattugiato
  • Fate bollire l’acqua ed il latte nel rapporto di tre parti di acqua per ogni parte di latte (più o meno)
  • Versare le spezie, il tè e lo zucchero
  • Lasciare in infusione per 3-8 minuti a seconda dell’intensità del sapore che si vuole raggiungere
  • Riportare ad ebollizione, filtrare e versare ancora caldo

In india ogni famiglia ha la sua ricetta, voi troverete il giusto compromesso dopo qualche prova.

Per saperne di più sull’India

India, destinazione senza compromessi. Un salto indietro nel tempo in una terra di grande misticità, capace di grandi fasti e di grandi miserie, ma sempre con una propria dignità e con un portamento elegante. Ad ogni passo c’è sempre qualcosa da scoprire, in questa terra capace di grande ospitalità e dove, da viaggiatori, ci si sente sempre accettati.

Prima di tutto il bagaglio: dai un’occhiata a cosa mettere in valigia: la lista da stampare per il viaggio perfetto. Puoi anche stamparla e compilarla offline! Puoi anche provare la nuova lista di viaggio interattiva, veloce e personalizzabile con il tuo stile.

Se ti interessa l’India prima di tutto informati sui luoghi sacri dell’induismo e sulle regole di comportamento. altri argomenti interessanti per avvicinarti a questa fantastica destinazione sono descritti negli articoli chi sono i Sadhu indiani e cosa fannole caste in India e gli Intoccabili Dalitil Festival di Holi e la Festa dei Colori.

Per approfondire la conoscenza sul variegato pantheon indiano leggi la sacra Trimurti e cenni su BrahmaShiva il DistruttoreVishnu ed i suoi Avatara, Ganesha dalla testa di elefante o Surya, il Dio del Sole indiano. Senza dimenticare che il buddhismo è nato in India, un occasione per visitare i luoghi del Buddha a Sarnath.

Se, come me ami le tradizioni fai un salto nel passato dell’India Tribale, e scopri le tribù dell’Orissa, i Kutia Kondh, i Dongria Kondh ed i Bonda, li ho incontrati nei mercati tradizionali e mi hanno affascinato.

Arrivederci presto!

Iscriviti agli aggiornamenti

Notizie sugli articoli una volta al mese, qualche occasionale invio di notizie speciali e - prometto - niente spam.

Ovviamente il tuo indirizzo non sarà ceduto ad altri per iniziative di marketing.
La mailing list è gestita da MailerLite, il link per cancellarsi è presente in ogni invio

Ti piace l'articolo?

Max
Maxhttps://www.massimobasso.com
Massimo Basso le mie passioni sono stare all'aria aperta, viaggiare, scoprire luoghi nuovi, conoscere persone ed abitudini, osservare la Natura e, quando posso, fare qualche bella fotografia. Le foto (se riportano la mia firma) sono mie e non sono riproducibili senza consenso.

Da Leggere