Cerimonia Aarti a Chitrakoot e Varanasi

Il fuoco è un simbolo naturale di vita e passione, sebbene sia l’unico elemento nel quale nulla possa davvero vivere.
(Susanne K. Langer)

Una delle ragioni principali di questo viaggio in India abbiamo scelto Varanasi la possibilità di assistere alla cerimonia Aarti (detto anche arti, arati, arathi, aarthi).

Questa cerimonia è praticata in molte parti dell’India con diversi significati e declinazioni, ma i luoghi dove si celebra il Ganga Aarti sono le tre città sante di Varanasi, Haridwar e Rishikesh. Si tratta di un rituale dedicato alla Dea Madre Ganga, la Dea sacro fiume indiano.

Si svolge sul Dasaswamedh Ghat  dove viene esguita un’elaborata puja (rituale di offerta) che ha come componente essenziale il fuoco, il tutto in un’atmosfera molto mistica e coinvolgente.

Il Ganga Aarti viene eseguito su un palco da un gruppo di giovani pandit vestiti con abiti colorati.

Si inizia con il suono di una conchiglia, si prosegue bastoncini di incenso agitati in elaborati volteggi e poi si passa a grandi lampade illuminate dal fuoco che creano giochi di luce e forme nel cielo scuro. Il tutto è accompagnato da canti, inni e campanelli.

Per il nostro viaggio abbiamo scelto Varanasi, facendo una tappa in un centro meno turistico e popolare: Chitrakoot, dove si svolge una cerimonia identica, ma più intima, non per questo meno spettacolare.

Cerimonia Aarti Varanasi Chitrakoot India massimobasso.com

La Cerimonia Aarti

è un atto profondo di devozione e di donazione: Il fuoco allontana gli spiriti maligni e le loro influenze funeste .

Cerimonia Aarti Varanasi Chitrakoot India massimobasso.com (23 di 24)

Etimologicamente la parola aarti significa “prima di notte “, proprio per questo il primo rito viene eseguito prima della fine della notte, cioè all’alba. Questa cerimonia viene ripetuta più volte nell’arco della giornata per allontanare l’oscurità della dimenticanza di Dio .

La cerimonia
Durante la cerimonia uno o più Sacerdoti offrono alla statua di una divinità vari oggetti che rappresentano gli otto elementi della creazione , del mondo materiale.

  • Il Fiore e il Tessuto rappresentano la Terra
  • L’Acqua rappresenta l’elemento dell’Acqua
  • La Lampada alimentata con il Ghee (burro chiarificato) rappresenta il Fuoco
  • Il Ventaglio (fatto con le piume di Pavone ) rappresenta l’Aria
  • Il suono della Conchiglia e della Campana rappresenta l’Etere
  • Il coinvolgimento emotivo nelle Canzoni e nei Mantra rappresentano la Mente
  • L’attenzione intellettuale allo scopo dell’arte rappresenta l’Intelligenza
  • Gli Omaggi rappresentano l’Ego

Gli oggetti offerti si trasformano in portatori di misericordia divina o Prasad e così si puo’ricevere l’energia divina dalla lampada passandosi sulla fronte le mani prima accostate alle sue fiamme , dall’acqua sacra spargendola sulla testa e dai fiori santificati inspirando il loro profumo .
Il Sacerdote procede muovendo lentamente per sette volte la Lucerna , con movimenti circolari , verso l’Idolo . La Lucerna viene poi fatta circolare tra i fedeli che passano le mani a coppa capovolta sul fuoco per portarselo alla fronte , di modo che la benedizione purificatrice della divinità possa così giungere a loro .
La cerimonia è accompagnata con canti che lodano la gloria del dio e descrivono i benefici ottenuti per mezzo della sua adorazione .

Qualche immagine della cerimonia Aarti a Chitrakoot

Clic per ingrandire - Alcune foto sono in vendita su Adobe Stock

Qualche immagine della cerimonia Aarti a Varanasi a Dashashwamedh Ghat

Clic per ingrandire - Alcune foto sono in vendita su Adobe Stock

Qualche immagine della cerimonia Aarti a Varanasi la seconda sera.

Clic per ingrandire - Alcune foto sono in vendita su Adobe Stock

Per saperne di più

Per avere un’idea di come visitare questi luoghi rispettandoli leggi Luoghi Sacri dell’Induismo e regole di comportamento, sarai preparato anche ad un incontro con un Sadhu, un Santone indiano Se ti interessa conoscere alcuni aspetti religiosi dell’Induismo leggi anche: La sacra Trimurti, introduzione e cenni su BrahmaVishnu ed i suoi avatara, Shiva il distrutttore e Foto e significato del Festival di Holi.

Ma L’India è anche il luogo dove è possibile trovare templi dedicati a Surya il Dio del Sole e dove nel Vi secolo a.C. è nato il Buddismo. Proprio del Buddismo in India parlo nell’articolo Incontro con Siddharta Gautama, il Buddha a Sarnath.

Iscriviti agli aggiornamenti

In questa pagina sono raccolti altri articoli sull’India, fra i quali un articolo sulle caste in India. Se invece cerchi altro puoi farlo qui sotto, dare uno sguardo agli ultimi articoli pubblicati o scegliere fra gli argomenti presenti a fondo pagina e divisi fra etichette (più specifiche) e categorie (più generiche).

Prima di partire scarica e stampa la lista delle cose da mettere in valigia per non dimenticare nulla.

Ecco alcuni articoli sull’Orissa:

Kutia Kondh: spiriti-tigre e donne tatuate – La tribù Bonda delle colline dell’Orissa, – Orissa: incontro con la tribù Dongria Kondh

Altri articoli sull’India del Nord:

Galta Ji il tempio delle scimmie a Jaipur – I templi di Khajuraho e le sculture erotiche – La Città Rosa del Rajasthan: Jaipur con le sue meraviglie

E ancora qualche articolo del mio viaggio in Gujarat:

I templi di Girnar Hill: salire 10.000 scalini – Il deserto del Kutch e le saline del Gujarat, Gandhi, il 30 gennaio ricorre l’anniversario della morte, ma ce ne sono altri.

Grazie e alla prossima!

Seguimi sul tuo Social preferito