I Sadhu in India

Con la parola di derivazione Sanscrita Sadhu (in sanscrito sādhus) vengono identificati i cosiddetti santoni o baba indiani. Per intenderci sono quelle persone che in india spesso si incontrano vestiti in maniera succinta e trasandata e con il viso dipinto, spesso raccolti in preghiera o dediti alla richiesta delle elemosine al di fuori dei templi. E’ vero, a volte anche intenti a fumare marijuana, ma non facciamo di ogni erba un fascio e soprattutto capiamo il perché anziché sorridere.

Questo è lo spirito con il quale ho cominciato questa ricerca, per capirne di più sui Sadhu.

Sadhu o baba a Dwarka - Gujarat - India

Significato della parola Sadhu

In Sanscrito sādhus ha diversi significati: un uomo buono, onesto, un santo, un saggio; un santo Giaina adorato come un Dio. Come aggettivo significa o puro, rispettabile, virtuoso, che fa parte di una famiglia onorevole. l termine Sadhu è riportato anche nei Rigveda e Atharvaveda dove ha il significato di “retto”, “che conduce alla meta”.

Chi sono i Sadhu

Queste persone che noi chiamiamo impropriamente Baba o Santoni sono asceti induisti scelgono di abbandonare la vita materiale dedicandosi alla ricerca di un elevazione spirituale.

La loro è una vita di rinuncia alle passioni terrene detta Moksha, con lo scopo del perseguimento della liberazione da Maya, l’illusione terrena e con ciò la fine del ciclo delle reincarnazioni (Samsara).

Questo in ultima analisi significherebbe fermare il ciclo delle sofferenze terrene conseguendo la fusione nella Coscienza Cosmica, o nel Se’, come vogliate chiamarlo.

E’ inutile dire che, siate disposti o meno a credere in questa possibilità, pochi riescono a raggiungere questo obiettivo nel corso della vita presente.

Il Sadhu per agevolare questo processo sceglie una vita di rinuncia e di santità.

I Sadhu o Baba in India

Sadhu: un po’ di storia

A partire dall’epoca Vedica la rinuncia alle questioni del mondo è stato l’ultimo stadio della vita di un uomo ed il più elevato. La vita nella tradizione induista dovrebbe infatti essere suddivisa in diversi stadi:

  • La Brahmacharia, ovvero la fase nella quale si apprende, da giovani
  • Garhasthya, la fase nella quale si ha una casa ed una famiglia, che generalmente comincia con il matrimonio
  • Vanaprastha, coincidente con la vecchiaia e con l’uscita dei figli dalla famiglia. Comincia con l’eremitaggio o un esilio ai margini del villaggio, una rinuncia progressiva ai beni terreni, praticata in solitudine o con la compagna.
  • Samnyasa, l’abbandono definitivo dei beni terreni in preparazione alla liberazione definitiva.

La Samnyasa

Progressivamente la Samnyasa divenne una pratica diffusa, specialmente a partire dell’ottavo – nono secolo d.C. I Samnyasin intraprendevano questa via anche senza avere precedenti esperienze, conducendo a volte pellegrinaggi e prendendo nomi diversi a seconda delle correnti religiose.

Il rinunciatario, che era precedentemente conosciuto anche come Bhiksu, oggi appellativo quasi esclusivo dei monaci buddisti, venne identificato in seguito col nome di Sadhu, persona buona.

Sadhu o Baba in India
Sadhu o Baba in India
Sadhu o Baba in India

Ma cosa fa un Sadhu in concreto

I Sadhu troncano i legami con la famiglia di origine, abbandonano i loro averi e vivono di elemosina o doni dei devoti.

Nel caso dei Sadhu o delle Aryika  Giainisti essi diventano rinunciatari attenendosi a cinque voti:

  • Ahimsa, la non-violenza
  • Satya, la verità
  • Asteya, impegno a non rubare
  • Brahmacharya, astinenza dal sesso e piaceri sensuali
  • Aparigraha, impegno a non possedere nulla

In altre correnti l’impegno è meno regolamentato, ma sostanzialmente lo stesso

Pratiche e riti dei Sadhu

I Sadhu sono impegnati in diversi tipi di pratiche religiose: in alcuni casi praticano forme di ascesi e di meditazione, a volte solitaria e a volte in gruppo.  Alcuni pregano e cantano a voce alta. Li accomuna uno stile di vita semplice.

Alcuni si sottopongono anche a mortificazioni anche estreme, nella speranza di raggiungere più rapidamente la loro liberazione. Alcuni si fermano in una posizione fino ad atrofizzare gli arti, altri non si sdraiano o si siedono per anni, alcuni smettono di parlare.

Passano il tempo alla ricerca dell’illuminazione recitando i sacri mantra, praticando lo yoga rituale, il controllo del respiro e l’astinenza sessuale. Molti (e fra questi molti occidentali e svariati ciarlatani) hanno l’abitudine di fumare hashish, abitudine opportunamente mutuata dalla mitologia riguardante il Dio Shiva.

Alcune regole per i Sadhu

Alcune comunità di Sadhu si impongono regole per la raccolta delle elemosine, come ad esempio quella di continuare a spostarsi di città in città per non infastidire i residenti. Alcuni compiono pellegrinaggi anche lunghi. Ad esempio mi è capitato di vederne alcuni in autostrada con un elefante.

In genere praticano il celibato e l’astinenza, ma in alcune sette viene a volte praticato il sesso tantrico. C’è da augurarsi che prima sia previsto anche un  rituale di lavaggio del corpo..

Sadhu o Baba in India in viaggio con un Elefante
Sadhu o Baba in India
Sadhu o Baba in India

Quanti sono i Sadhu in India

Si stima che il numero di Sadhu presenti in India vada dai 4 ai cinque milioni di individui

Come si vestono i Sadhu?

I Sadhu indossano abiti semplici, che variano a seconda delle correnti religiose di appartenenza. Ad esempio nell’induismo il colore prevalente è lo zafferano accostato al rosso, indossato in genere dai seguaci di Shiva, che molto spesso si cospargono anche il corpo di cenere. I fedeli a Vishnu vestono invece abiti bianchi o gialli. Nel Giainismo il colore dell’abito è generalmente bianco, anche se in casi estremi l’abito significa non avere un abito, ovvero essere nudi. Alcuni hanno i capelli acconciati con dreadlocks. Questi abbigliamenti simboleggiano e ricordano la Samnyasa ovvero la rinuncia ai beni terreni.

Altre simbologie

Oltre all’abbigliamento anche le decorazioni sul volto possono essere un segno di appartenenza, come ad esempio il tripundra, tre linee orizzontali a volte ornate da un punto centrale per gli Shivaiti e l’urdhvapundra, due linee verticali per i Vishnuiti, a volte accoppiate ad altri simboli, ma le varianti sono numerose.

Sadhu a Dwarka, Gujarat, India

Perché i Sadhu sono in genere uomini

Mentre per gli uomini la strada della rinuncia a volte comincia fin da giovani, è difficile incontrare donne che scelgano questa via.  Generalmente questo percorso viene intrapreso in seguito alla vedovanza e queste donne assumono il nome di Sadvi o Aryika. In alcune comunità Giainiste al contrario il numero delle ascete di sesso femminile sorpassa quello degli asceti maschi.

In realtà le donne secondo la tradizione jainista non riusciranno a perseguire Moksha ovvero l’illuminazione e la fine della reincarnazione, perché essa può essere perseguita solo con un corpo maschile. Esse riusciranno però a reincarnarsi in un corpo maschile col quale perseguire Moksha. La spiegazione è un po’ semplicistica, ma serve a dare un contesto alla tradizione citata.

Come si diventa Sadhu

L’iniziazione di un Sadhu avviene in diversi modi ed in genere prevede un periodo di apprendistato presso un Guru (una guida spirituale) che può cominciare anche in età molto giovane.

Dopo un periodo di prova e di servizio presso il Guru, quest’ultimo decide se la persona può diventare un discepolo. Solo in caso positivo la persona che ha scelto la Samnyasa, o la vita di rinuncia diventa Samnyasin, mettendosi al servizio del Guru.

In molti casi il Guru assegna al rinunciatario un nuovo nome ed un mantra personalizzato da recitare sempre.

Un tipo di Santone diverso: il Santone della Roccia Sacra in Sulawesi

Raduni di Sadhu

Uno dei più grandi raduni di Sadhu, anzi, il più grande è il Kumbh Mela, il prossimo nel 2022, dove è possibile vedere anche i famosi Sadhu vestiti solo di cenere e comunque assistere ad un’aggregazione che secondo i dati dell’ultimo avvenimento facilmente supera i 50 milioni di persone.

Qui sotto alcuni Sadhu in raduno di fronte al tempio Rukhmani, compagna del signore Krishna a Dwarka

Sadhu in preghiera all'esterno del tempio dedicato a Rukhmini, moglie del Signore Krishna a Dwarka - Gujarat

Dove vengono sepolti i Sadhu

I Sadhu sono considerati già morti e, in quanto aventi accesso a Moksha (la liberazione dalle reincarnazioni), non vengono cremati come le persone normali, ma sepolti.

Essendo già morti per il mondo si presume che il loro funerale sia già avvenuto.

Alcuni esempi di sette religiose

Come già detto esistono tantissime sette, ma alcune sono famose per le loro particolarità.

Aghori

La setta degli Aghori è quella considerata più trasgressiva. Fondata da Kina Ram nel XVIII secolo, è ormai ridotta a pochi individui, concentrati a Varanasi. Questi Sadhu seguaci di Shiva ne emulano i comportamenti meno comuni. Sono dediti al consumo di alcool, non sono vegetariani.  Si dice che si nutrano di carne in decomposizione ed a volte anche dei propri escrementi, che vivano in mezzo ai morti e che abbiano pratiche sessuali poco ortodosse. Sono a volte nudi cosparsi di cenere, a volte vestiti di un solo panno

Naga Baba o Naga Sadhu

I Naga Baba sono una setta di antichi Sadhu guerrieri, fin dai tempi delle conquiste islamiche e inglesi. Sono organizzati in truppe chiamate Akharas ed a volte entrano in conflitto con altre sette.

Sono di solito nudi (naga) e spesso ostentano armi il più delle volte a solo scopo ornamentale, come il tridente di Shiva

Digambar

I Sadhu Giainisti Digambar sono anch’essi in genere nudi e sono famosi per la mortificazione del pene, con il quale sollevano pesi a volte incredibili al fine di desensibilizzarlo.

Sadhu o Baba, i Santoni in India

Per saperne di più

Per avere un’idea di come visitare questi luoghi rispettandoli leggi Luoghi Sacri dell’Induismo e regole di comportamento, per prepararti anche ad un incontro con un Sadhu, un Santone indiano Se ti interessa conoscere alcuni aspetti religiosi dell’Induismo leggi anche: La sacra Trimurti, introduzione e cenni su BrahmaVishnu ed i suoi avatara, Shiva il distrutttore e Foto e significato del Festival di Holi. Ma L’India è anche il luogo dove è nato il Buddismo. L’ho imparato dopo la visita a Sarnath uno dei luoghi storici del Buddha, e adesso non vedo l’ora di poter visitare anche Bodhgaya.

Iscriviti agli aggiornamenti

In questa pagina sono raccolti altri articoli sull’India, fra i quali un articolo sulle caste in India. Se invece cerchi altro puoi farlo qui sotto, dare uno sguardo agli ultimi articoli pubblicati o scegliere fra gli argomenti presenti a fondo pagina e divisi fra etichette (più specifiche) e categorie (più generiche).

Prima di partire scarica e stampa la lista delle cose da mettere in valigia per non dimenticare nulla.

Ecco alcuni articoli sull’Orissa:

Kutia Kondh: spiriti-tigre e donne tatuate – La tribù Bonda delle colline dell’Orissa, – Orissa: incontro con la tribù Dongria Kondh

Altri articoli sull’India del Nord:

Galta Ji il tempio delle scimmie a Jaipur – I templi di Khajuraho e le sculture erotiche – Jaipur la citta’ rosa dell’India

E ancora qualche articolo del mio viaggio in Gujarat:

Salita ai templi di Girnar Hill a Junagadh – Il deserto del Kutch e le saline del Gujarat, Ricordo di Gandhi nell’anniversario della morte, ma ce ne sono altri.

Grazie e alla prossima!

Seguimi sul tuo Social preferito